Strategia per l’ambiente marino italiano, al via la consultazione pubblica 2014

Al via oggi la consultazione pubblica sui Programmi di Monitoraggio della Strategia marina, promossi dal ministero dell’Ambiente con il supporto dell’Ispra, per l’attuazione della Direttiva Ue per l’ambiente marino. Lo rende noto il sottosegretario all’Ambiente Silvia Velo, che ha le deleghe alle politiche di tutela del mare.

“Si tratta di uno strumento fondamentale per la valorizzazione e la tutela del nostro mare e per la futura politica marittima dell’intera Unione europea – aggiunge Velo – La consultazione pubblica che si è aperta oggi da’ il via alla seconda fase della strategia marina italiana, la cui adozione è stata decisa dalla Commissione europea, e si concluderà il prossimo 11 luglio”.

Rispondendo alle domande del questionario online, da oggi, all’indirizzo strategiamarina.isprambiente.it, tutti gli italiani potranno partecipare in maniera attiva all’adozione della strategia considerata più idonea e in particolare allo sviluppo dei programmi di monitoraggio. All’interno del sito sarà anche possibile consultare il documento di sintesi che spiega i programmi di monitoraggio proposti nell’ambito della direttiva ‘strategia marina’ e la nuova banca dati con i risultati delle analisi dei mari italiani, realizzata durante la prima fase dell’attuazione. Sono quattro gli eventi organizzati sul tema: si apre con Roma il prossimo 17 giugno, presso la Società Geografica Italiana, a seguire Venezia il 20 giugno, Livorno il 23 giugno e Palermo il 30 giugno.

Per raggiungere quest’obiettivo gli Stati Membri devono sviluppare e attuare delle ‘strategie marine’ con lo scopo di proteggere e preservare l’ambiente marino, prevenirne il degrado o, dove possibile, procedere al ripristino degli ecosistemi marini nelle aree in cui abbiano subito impatti. La consultazione pubblica è stata promossa dal ministero dell’Ambiente, con il qualificato supporto operativo dell’Ispra, e si pone l’obiettivo di raggiungere il massimo coinvolgimento dei cittadini.

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie