Tumore da amianto, ricercatori italiani individuano possibile cura dal carciofo

E’ iniziata la sperimentazione sull’estratto di carciofo contro il mesotelioma, terribile tumore causato dall’amianto. Lo studio coordinato dal team di ricerca dell’istituto Regina Elena di Roma, con la collaborazione dei ricercatori della canadese McMaster University, analizzerà le proprietà del vegetale per un anno su persone con forti fattori di rischio, come le placche polmonari da asbesto.

Il dott. Giovanni Blandino, Responsabile del Laboratorio di Oncogenomica Traslazionale del Regina Elena – afferma – “Ogni anno questa forma di cancro colpisce oltre 2mila persone in Italia, ma la sua incidenza è in continua crescita: è atteso un picco entro il 2020 . Nel nostro studio sperimentiamo, primi al mondo, la chemioprevenzione con una sostanza naturale e dal costo contenuto – aggiunge anche la dott.ssa Sabrina Strano, ricercatrice dell’Area di Medicina Molecolare -. Se le nostre intuizioni venissero confermate, apriremmo la strada a una rivoluzione”.

Il mesotelioma è direttamente collegato all’esposizione da amianto, materiale bandito dall’Italia da vent’anni ma ancora diffusissimo: nell’ambiente ne restano circa 5 quintali per cittadino, 32 milioni di tonnellate. Un tema sempre più attuale quindi, soprattutto perché il processo contro i dirigenti dell’Eternit è ancora in corso: dopo la storica condanna d’appello del 2013 si è ora in attesa della Cassazione.

Inoltre, per il mesotelioma non esistono terapie davvero efficaci. Il trial clinico viene presentato oggi a Roma, durante l’International Workshop on metabolism, diet and chronic disease, un appuntamento per fare il punto sulle evidenze scientifiche riguardanti stili di vita e neoplasie. “La chemioprevenzione è un’idea nata negli USA e in Italia ha trovato terreno fertile – ribadisce la prof.ssa Paola Muti, della McMaster University di Hamilton in Canada -. Si può attuare tutti i giorni anche tramite l’alimentazione. Ma non solo, un impiego differente di alcuni farmaci può rivelarsi fondamentale.

Nel 2011 una collaborazione tra “Regina Elena” e Istituto dei Tumori di Milano ha dato il via allo studio TEVERE, il più importante lavoro al mondo per valutare come giocare d’anticipo sul cancro al seno. Stiamo analizzando gli effetti preventivi della metformina, una molecola comunemente utilizzata per il diabete, su 16mila donne sane. Questi due trial sono l’ulteriore conferma del valore dei link internazionali, portatori di innovazione”. La scienza medica riconosce ormai da tempo il ruolo protettivo offerto da frutta e verdura contro diverse patologie, compresi i tumori. “L’estratto di carciofo, messo a punto dai nostri laboratori, è riuscito a superare i rigidissimi standard di controllo nordamericani – sottolinea Valentino Mercati, Fondatore del Gruppo Aboca -. Crediamo tanto in questo progetto, una testimonianza dell’eccellenza italiana, anche perché il concetto di prevenzione per noi è prioritario.

Le tecnologie moderne ci consentono sempre più di definire e caratterizzare complessi molecolari derivabili da sostanze naturali, sotto l’aspetto chimico fisico e predirne l’attività biologica sul campo umano. Fra i settori applicativi più importanti di questo filone di ricerca ci sono le malattie complesse, come quelle degenerative e oncologiche”. “Il Workshop di oggi ribadisce l’importanza di uno stile di vita corretto – afferma Vito De Filippo, Sottosegretario al Ministero della Salute -. La sostenibilità del Servizio sanitario verrà garantita solo se riusciremo a sensibilizzare in maniera efficace i cittadini su questi aspetti, altrimenti assisteremo al costante incremento delle malattie croniche”.

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie