L’inquinamento industriale in Antartide ha preceduto gli esploratori

L’esame di diversi blocchi di ghiaccio dell’Antartide ha rivelato la presenza di inquinanti contenenti piombo già a partire dall’epoca della prima industrializzazione, vale a dire dal 1889 e ben prima quindi che un piede umano si posasse sui ghiacci del polo sud.

Questo è il risultato di una ricerca, pubblicata ieri su Nature Scientific Reports. La prima esplorazione umana del polo sud risale al 1911 ad opera di Amudsen e Scott, ma già in anticipo di oltre venti anni  sui pionieri era arrivato l’inquinamento nei ghiacci. Diversamente da quanto avvenuto per l’Artico, che ha raggiunto il massimo dell’inquinamento nel 1970, per l’Antartico i picchi risalgono al primo ‘900 e lo studio isotopico ha rivelato che la maggior parte del piombo inquinante proviene da Broken Hill (nota città mineraria dell’Australia).

Si stima che negli ultimi 130 anni i ghiacci dell’Antartide abbiano incamerato circa 660 tonnellate di piombo industriale: notoriamente il piombo è un metallo pesante  e tossico,  capace quindi di alterare l’equilibrio degli ecosistemi. Malgrado gli sforzi di ridurre le emissioni inquinanti, esse persistono ancora oggi.
Sono stati studiati 16 blocchi di ghiaccio raccolti da siti sia costieri che interni e notevolmente distanti fra loro e sono state studiate le modificazioni nella composizione del ghiaccio degli ultimi 410 anni: risulta che i picchi di inquinamento da piombo sono iniziati alla fine dell’800 e la composizione e contaminazione delle stratificazioni in corrispondenza di determinati periodi storici sono molto simili in tutta l’Antartide.

La concentrazione di piombo al di sopra di certi limiti ne denuncia l’origine antropica e dall’epoca di inizio della contaminazione dei ghiacci i livelli di metallo continuano a mantenersi elevati: il picco è stato raggiunto tra il 1900 ed il 1920, poi è lievemente calato ed ha ripreso ad aumentare dal 1975, successivamente vi è stata una graduale riduzione, ma ancora al momento attuale la concentrazione di piombo nel ghiacci è il quadruplo di quella esistente prima della industrializzazione.

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie