Mar Mediterraneo: inquinamento record da idrocarburi, 38 milligrammi per metro cubo

Il Mediterraneo è il mare più inquinato al mondo, 38 milligrammi per metro cubo la quantità di idrocarburi nelle sue acque. Una situazione che mette il nostro mare sotto “stress quotidiano” a causa del 20% di tutto il traffico mondiale di prodotti petroliferi, dal transito di 2.000 traghetti, 1.500 cargo e 2.000 imbarcazioni commerciali, di cui 300 navi cisterna.

Questi i numeri diffusi dalla Goletta Verde straordinaria che seguirà l’ultimo viaggio della Costa Concordia con tappe quotidiane per raccontare criticità ed eccellenze dei luoghi interessati dall’operazione, al suo primo giorno di navigazione. Prima tappa questa sera a Marciana Marina, sull’Isola d’Elba, dove, insieme a diversi esperti, si parlerà proprio del rischio di sversamento di idrocarburi a cui è sottoposto quotidianamente il Mar Mediterraneo.

Un fenomeno drammatico come emerge anche dai dati di Unep Map, il programma delle Nazioni Unite per la tutela del Mediterraneo: ogni anno finiscono in questo bacino, e quindi in parte anche sulle coste, oltre 100 mila tonnellate di greggio. Per avere un termine di paragone, la quantità d’idrocarburi dispersa in mare a seguito dell’incidente della petroliera Haven, avvenuto in Liguria nel 1991, è stata di circa 140mila tonnellate. Le cause, al di là dei grandi incidenti, sono da ricercare nelle pratiche illegali: attività di routine, come lo scarico delle acque di zavorra, lo scarico dei residui del lavaggio delle cisterne, dei fanghi e delle acque di sentina, che vengono praticate illecitamente al largo delle coste. Pratiche molto diffuse come dimostrano anche gli interventi delle capitanerie di porto che da inizio 2014 hanno portato al sequestro di numerose motonavi di bandiera di diversi paesi del mondo.

Giorgio Zampetti, responsabile scientifico nazionale di Legambiente “L’aumento dei reati negli ultimi due anni del 7,3% è frutto dell’attività di contrasto svolta dalle forze dell’ordine e dalle capitanerie di porto ma, allo stesso tempo, rappresenta un segnale preoccupante della recrudescenza delle attività illecite in un periodo di crisi economica. Nonostante gli intensi controlli è necessaria una normativa internazionale più stringente sul traffico di petrolio in mare che argini la pratica criminale di scarico delle acque di sentina e di lavaggio delle cisterne”.

Oltre ai pericoli legati al traffico marittimo e agli illeciti ambientali, il mare italiano è esposto anche al rischio derivante dalle attività di estrazione di petrolio: sono già attive 9 piattaforme e 68 pozzi petroliferi “e nei prossimi anni il loro numero potrebbe ulteriormente crescere”, denuncia Legambiente. Attualmente, infatti, le richieste per la ricerca o l’estrazione di petrolio avanzate dalle compagnie petrolifere riguardano un’area marina di circa 30 mila kmq e potrebbero portare alla realizzazione di almeno 70 impianti di estrazione.

Una corsa all’oro nero che non trova scusanti valide dal punto di vista strategico energetico e che rischia di compromettere per sempre il futuro delle popolazioni coinvolte da possibili incidenti che metterebbero in pericolo ambiente, turismo e pesca -sottolinea ancora Giorgio Zampetti- Un rischio a cui gli enti locali si presentano impreparati”. “Se da un lato, infatti, il sistema d’intervento italiano in mare è efficace, sul fronte della bonifica delle coste in caso di spiaggiamento di petrolio, c’è ancora molto da fare. Solo un comune costiero su cinque – aggiunge – ha predisposto un elenco delle zone sensibili da proteggere prioritariamente in caso di sversamento di idrocarburi e appena il 16% possiede piani locali antinquinamento. E’ sempre più necessario dunque che ogni comune costiero si organizzi in modo adeguato per intervenire e fronteggiare questo tipo di emergenze”.

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie