Perchè scegliere il cotone egiziano

Durante un viaggio in Francia e più precisamente a Cape d’Antibes trovai un negozio che vendeva abbigliamento e biancheria in cotone egiziano puro al 100%. Erano meravigiosi. Così mi sono appassionata a questa fibra naturale così particolare. Sì molto particolare, perchè non dovete pensare che il cotone sia cotone, alcune tipologie sono migliori di altre. Il cotone egiziano è superiore. Vediamo perchè.

Con le varietà di cotone egiziano si creano tessuti di tutti i tipi: lenzuola, federe, trapunte, camicie. Il taglio lungo, o fibra lunga, del cotone cresciuto in Egitto fa si che ci sia più fibra continua da usare nella creazione di filo o filato.

Il filato è di diametro inferiore ma più resistente rispetto ad altri cotoni. IL fatto che sia più piccolo significa che, per centimetro quadrato, possono essere usati più fili al fine di creare tessuti più resistenti che siano più leggeri e al contempo ben traspiranti.

Più fili per centimetro quadrato vuol dire che il titolo di filo sull’etichetta del tessuto sarà più alto. Attenzione, molti consumatori son convinti che la scelta di lenzuola con titolo di filato alto sia il solo metro di qualità. In generale non è così, ma nel caso del cotone egiziano, un titolo di filo più alto implica che il tessuto sia incredibilmente resistente e che duri per anni e anni. Se curato opportunamente, il tessuto di cotone di fabbricazione egiziana può durare decenni.

Se acquistate un capo nuovo in cotone egiziano noterete che la consistenza è un po’ più rigida di altri cotoni quando il tessuto è nuovo, ma questo non deve farvi storgere la bocca. Infatti, ad ogni singolo lavaggio, il tessuto di cotone di fibre egiziane diventa sempre più soffice. Come il vino o un profumo ricercato, l’età migliora il tessuto di cotone egiziano. A differenza di molti prodotti, il tessuto fatto di cotone egiziano si ammorbidisce ad ogni lavaggio.

UN altra importante caratteristica diquesto meraviglioso cotoneè che produce anche meno lanugine e quindi non produrrà pelucchi dopo molti lavaggi come invece fanno altri materiali. In più adesso questa fibra è facilmente reperibile, poichè la maggior parte di grandi magazzini e negozi online includono una selezione di lenzuola, camicie e altri articoli di cotone prodotto in Egitto, per acquirenti che cerchino un prodotto di alta qualità.

Altra caratteristica è la supremazia della distribuzione della cellulosa nelle sue fibre.

Ogni fibra di cotone è composta di strati concentrici. La cuticola sopra la fibra, costituita di cera e materiali pectici, viene separata dalle altre fibre. La parete primaria, lo strato più periferico della fibra, è composto di fibrille di cellulosa cristallina.

La parete secondaria della fibra è composta di tre strati distinti. Tutti e tre i livelli della parete secondaria includono delle fibrille parallele ammassate molto vicine con un avvolgimento a spirale e rappresentano la maggioranza di cellulosa all’interno della fibra. La parte più interna della fibra del cotone che si chiama lume, è composto dei resti del contenuto cellulare.

I contenuti generali vengono suddivisi nei seguenti componenti.

80 – 90% cellulosa.
6 – 8% acqua.
0.5 – 1% cere e grassi.
0 – 1.5% proteine.
4 – 6% emicellulosa e pectine.
1 – 1.8% cenere.

Quando viene lavato, esso subisce un trattamento della fibra con soda caustica, questo comporta che le cere naturali e grassi contenuti nella fibra vengono saponificati, le pectine e gli altri materiali non-cellulosici vengono dissolti, in modo che le impurità possano essere rimosse semplicemente risciacquando.

Dopo il lavaggio, una soluzione sbiancante (che consiste di un agente ossidante stabilizzante) interagisce con la fibra e i colori naturali rimossi. Lo sbiancamento avviene ad alta temperatura per un tempo prefissato.

La mercerizzazione è un altro processo di miglioramento delle proprietà assorbenti del cotone. Questo processo consiste nell’immergere la fibra di cotone in una soluzione di idrossido di sodio. In questo modo si ottiene una migliore lucentezza e assorbimento durante la mercerizzazione. Dopo il lavaggio e lo sbiancamento, la fibra è al 99% cellulosa.

Concludendo:
1) L’omogeneità del cotone egiziano è più alta di quella del cotone turco considerando i valori micron comparabili e la lunghezza di taglio. Data l’omogeneità di cellulosa nelle fibre, il cotone egiziano è superiore in comfort per prodotti come stoffa per camicie, biancheria da letto e perfino asciugamani.
2)La resistenza del cotone egiziano è più alta di quasi il 50% del cotone greco e di quello turco e il doppio di quella del cotone indiano.
3) Le varietà di cotone egiziano possono offrire valore micron basso fino a 3.05 (Giza 45) e 3.24 (Giza 87), presentando una finezza massima che non è reperibile in altre varietà.
4) Data l’omogeneità superiore e la distribuzione della cellulosa, il cotone egiziano presenta più prodotti di comfort, una migliore assorbenza per i materiale da tingere, una migliore traspirabilità del tessuto durante l’utilizzo e un aspetto durevole, che non può essere presente in altre varietà per la mancanza di proprietà meccaniche similari al cotone egiziano.
Dunque se trovate biancheria o abbigliamento in cotone egiziano sapete cosa acquistate.

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie