Salute: da Google e Novartis le lenti a contatto che controllano il diabete

Ad annunciarlo per prima è stata Novartis, azienda leader nel settore farmaceutico pronta a mettere in commercio, entro i prossimi cinque anni, le prime lenti a contatto smart realizzate in collaborazione con Google che saranno in grado, tra le altre cose, di controllare i livelli di insulina nei pazienti diabetici: in pratica, Google X, il laboratorio di ricerca del colosso di Mountain View, e Alcon, che è la divisione occhi di Novartis, s’impegneranno da qui ad allora nello sviluppo di un particolare tipo di lenti “intelligenti”, capaci appunto di monitorare diverse patologie, tra cui il diabete e la presbiopia, grazie all’utilizzo di sensori e dispositivi elettronici miniaturizzati.

La lente così concepita sarà, infatti, in grado di analizzare costantemente il livello di glucosio nel fluido lacrimale, trasferendo in tempo reale i dati ottenuti ad un dispositivo mobile: oltre a monitorare la glicemia, la lente a contatto intelligente sarà anche in grado di ripristinare l’autofocus dell’occhio di quelle persone che ora necessitano di occhiali per la lettura.

Non vi è alcun dubbio in proposito: le tematiche legate alla salute stanno rappresentando un settore sempre più cruciale nelle strategie aziendali di Google, considerato che proprio il mese scorso ha sottoscritto un accordo negli Stati Uniti per la ricerca sull’autismo, mentre gli ormai noti Google Glass sono all’avanguardia dello studio in diversi settori, tra cui il morbo di Parkinson: anche se l’interesse iniziale è rivolto alle applicazioni in oculistica, i due colossi ripongono alte aspettative che questa loro intesa, di cui non sono ancora stati resi i noti i dettagli economici, possa in futuro sortire grandi risultati nel campo della salute.

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie