Vacanze a quattro zampe: il decalogo del Ministero della salute

Ci siamo ormai: queste ultime settimane di Luglio sono già quelle che rientrano per i fornitori di servizi turistici nella cosiddetta “alta stagione”: gli italiani che possono ancora permetterselo sono partiti o sul punto di partire per le vacanze. Per molte delle persone che lavorano Agosto è il periodo obbligato delle ferie perché coincide con la chiusura di diverse aziende.

Anche quest’anno al momento della partenza buona parte dei vacanzieri dovrà risolvere il problema dell’animale domestico: la soluzione migliore resta sempre quella di portarlo in vacanza con sé ed a questo proposito il Ministero della Salute ho pubblicato pochi giorni fa un decalogo contenente tutte le raccomandazioni e l’indicazione degli obblighi e precauzioni consigliate per trascorrere una serena vacanza in compagnia dei nostri amici a quattro zampe.

Proviamo a proporne una sintesi essenziale:
– Controllare ed aggiornare tutti i documenti dell’animale: per i cani è obbligatoria, ma per tutti gli animali compresi i gatti, è comunque preferibile, l’iscrizione all’anagrafe degli animali d’affezione. Naturalmente è necessario il libretto sanitario con l’indicazione di tutte le vaccinazioni effettuate (obbligatoria l’antirabbica) e, se si viaggia fuori dai confini nazionali, il passaporto europeo. Nel passaporto sono riportati i dati dell’animale e del proprietario, il numero del microchip e la data dell’ultima vaccinazione antirabbica.

– Per i viaggi in aereo è bene informarsi delle specifiche norme della compagnia aerea. Gli animali di media e   grande taglia viaggiano nella stiva ed è quindi necessario fornirsi di trasportino robusto, ben aerato e fornito sul fondo di tappetino o altro materiale assorbente. Non lasciare nel trasportino attrezzi, museruola o guinzaglio.

– per i viaggi in treno nelle compagnie italiane (trenitalia ed italotreno) gli animali possono viaggiare in prima e seconda classe, ma non accedere agli spazi bar e ristorante. I cani guida viaggiano gratuitamente.

– Nelle navi o traghetti la possibilità di far viaggiare gli animali dipende dalle regole della compagnia di cui è sempre bene informarsi preventivamente. Gli animali viaggiano col trasportino ed è opportuno consultare il veterinario per la prescrizione di eventuali farmaci contro il mal di mare.

– Se viaggiamo in macchina dobbiamo usare le stesse precauzioni alle quali siamo abituati per i nostri figli: evitare le ore più calde, fornire acqua in abbondanza, fare le soste necessarie.

– Rispetto alla meta delle vacanze vi sono località che sono specificamente attrezzate per le vacanze con gli animali, sia sulle spiagge che nell’accoglienza alberghiera.

– Effettuare un check up medico completo dell’animale prima della partenza. I controlli andranno ripetuti al ritorno per assicurarsi che non siano state contratte patologie durante il viaggio.

– Ricordiamoci di sistemare in valigia tutto l’occorrente per l’igiene, il gioco ed il pronto soccorso, ma anche il necessario per la cura ordinaria (le ciotole abituali, guinzaglio, brandina, etc).

Buone vacanze a tutti!

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie