Il Vetro, una risorsa sostenibile per la salute e l’ambiente

Il vetro è una risorsa riciclabile e sostenibile, il miglior imballaggio esistente, sia per gli alimenti che per altre sostanze come i medicinali. Per questo un consumatore consapevole dovrebbe scegliere sempre il vetro, per se stesso, per la comunità e per l’ambiente. Recentemente in India la Drug Technical Advisory Board ha bandito l’uso di contenitori in PET per medicinali liquidi, dando vita ad una “collaborazione tra vetro e la comunità medica. Perciò medici e farmacisti quando si tratta della nostra salute si fidano solamente del materiale più sicuro e più puro: il vetro.

I flaconi e le fiale di vetro sono la forma più affidabile di packaging per medici e scienziati nel campo farmaceutico, e questo dal Seicento, proprio perché il vetro è inerte e come tale non rilascia alcun tipo di sostanza che possa danneggiare ciò che in esso è contenuto, sia esso un alimento o un medicamento. Non a caso se utilizzate gli oli essenziali, saprete per certo che essi si utilizzano solo con strumenti di vetro. I flaconi di vetro proteggono le sostanze contenute all’interno dalla luce diretta che può potenzialmente danneggiarne il contenuto.

Ad esempio il vetro rosso è il vetro colorato chimicamente più inattivo ed è per questo che anche oggi, il vetro preferito per i flaconi di medicinali è il vetro rosso. Non tutti forse sanno che per fare il vetro rosso, viene aggiunto dell’oro alla sostanza fusa per ottenere questa tinta protettiva. L’oro è uno degli oligoelementi più usati in cosmetica, insieme all’argento e al rame.

Anche se i sistemi di imballaggio si sono notevolmente evoluti, per la scoperta e l’utilizzo di materiali molteplici, il vetro rimane ancora il materiale da imballaggio di preferenza in ambito medico. Anche oggi, in paesi come l’India, le industrie farmaceutiche non potranno più utilizzare contenitori in PET per formulazioni orali liquide per uso pediatrico, geriatrico, per donne in età fertile e donne in gravidanza perché potrebbero potenzialmente filtrare sostanze chimiche indesiderate.

In paesi come l’India, in cui vi sono grnadi escursioni termiche, in estate la temperatura sale fino a 40-45 gradi centigradi, l’esposizione delle bottiglie di plastica a temperature così elevate potrebbe portare a effetti avversi sulla formulazione degli agenti contenuti e le alte temperature possono portare ad una maggiore filtrazione. Gli effetti nocivi a causa del packaging e della filtrazione, possono essere ulteriormente amplificati nel caso di formulazioni medicinali,ha ben spiegato la Drug Technical Advisory Board (DTAB).

Nel momento in cui andiamo a scegliere i nostri cibi, ed è bene tenerlo a mente, è fondamentale considerare anche la confezione se vogliamo prestare alltenzione alla salute. Altri materiali da imballaggio possono percolare sostanze chimiche indesiderate nei nostri alimenti o nelle nostre bevande; e ciò può aggravare un sistema immunitario già in difficoltà. Abituiamoci dunque a scegliere cibi che sono stati conservati e tenuti in contenitori e bottiglie di vetro se vogliamo essere consapevoli di ciò che immettiamo nel nostro organismo; cerchiamo di utilizzare una bottiglia di vetro, che è riciclabile invece di quelle usa e getta. Non mettiamo a rischio la nostra salute e l’ambiente.

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie