Lo Za’atar, un mix di spezie salutari

Ai beati tempi della vita goliardica, mi trovai a preparare un esame da me molto amato: “Storia e istituzioni dei paesi afro-asiatici”. Tutto ciò che riguarda la cultura mediorientale mi ha sempre attratto con una impercettibile forza magnetica a cui io non so resistere, tanto da farmi pensare che una mia vita precedente debba essersi svolta in quei luoghi, non v’è altra spiegazione. Fu proprio in questo libro che trovai una breve descrizione dello zaatar.

Lo zaatar (scritto za’atar) è una miscela di spezie la cui preparazione include erbe aromatiche come maggiorana, timo e origano, sesamo, finocchio, cumino, sommacco e issopo. Può essere conservato sotto sale, sott’olio o lasciandolo essiccare al sole.

Come al solito, questa miscela era conosciuta e usata già nell’antico Egitto; tracce di questo condimento, infatti, sarebbero state ritrovate nella tomba del faraone Tutankhamon. Mentre Plinio il Vecchio lo cita nei suoi scritti come ingrediente dell’unguento reale utilizzato dal re dei Parti nel I secolo d.C. Nella tradizione ebraica è stato rintracciato l’uso di questo mix di spezie in occasione di rituali di purificazione.

Essendo una miscela di spezie, ne racchiude in sé i benefici. In Medio Oriente, si ritiene che il consumo di zataar possa permettere di ottenere una maggiore attenzione mentale rafforzando al contempo il fisico.

Le proprietà di questo condimento, derivano appunto dai molteplici effetti terapeutici delle spezie, soprattutto della famiglia delle Labiatee, che entrano nella sua composizione:
al timo sono riconosciute proprietà antibatteriche, digestive e disinfettanti;
il sesamo è una fonte preziosa di minerali come calcio, magnesio, fosforo, potassio e vitamine;
la maggiorana dal sapore più delicato dell’origano è ricca di vitamina C ed è indicata nella cura dell’emicrania; la santoreggia è un ottimo disinfettante intestinale ed è indicata anche per le affezioni polmonari;
il finocchio e il cumino sono digestivi e carminativi;
il sommacco, che è un frutto di colore rosso intenso dal sapore acidulo e fruttato, ha una spiccata azione antiossidante;
infine l’issopo diuretico, disinfettante ed espettorante, ottimo contro la cistite e le affezioni dell’apparato respiratorio.

Se volete realizzarlo in casa, potete utilizzare questa ricetta:

Ingredienti

100 g di semi di sesamo tostati

1 cucchiaio di sale integrale

1 cucchiaino di semi di finocchio bio

4 cucchiai di origano (quello che si vende in rametti)

1 cucchiaio di semi di cumino

1 cucchiaio di sommacco

Una bella manciata di timo fresco (ma quello essicato va benissimo)

Preparazione

E’ molto semplice, basta miscelare gli ingredienti ben essiccati e riporli in un barattolo chiuso al buio, pronto da utilizzare all’occorrenza. Al momento dell’uso, basta diluirlo con pochi bicchieri di olio extra vergine e lasciarlo riposare per un’oretta affinché prenda sapore.

Potete utilizzare questo condimento come più vi piace, non solo per le carni e il pesce alla griglia, ma anche sulle verdure in padella, nelle patate al forno, nella salsa di pomodoro, persino spalmato sul pane tostato insieme all’olio!

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie