Lavarsi le mani prima di mettersi a tavola? Un optional

C’è un adagio dalle mie parti che recita: “quel che non ammazza, ingrassa”. Lo dicevano i vecchi, le persone di una volta, quando i bambini piccoli attraversavano la fase “orale” e portavano qualuque cosa alla bocca. Ma una volta era un volta, e di sicuro la vita era pero meno più genuina.

Il fatto è che oggi tocchiamo di tutto e di più, in qualunque luogo e questo fa sì che le nostre mani siano veicolo per milioni e milioni di batteri di ogni genere e tipo. E allora, direte voi? Il fatto è che la gran parte della gente non si lava le mani, soprattutto prima di mettersi a tavola. Non è una gran bella abitudine, anzi è un pessimo modo di aver cura di sè e degli altri.

L’Università dell’Arizona ha fatto uno studio specifico su questo modo di fare, constatando che solo una persona su otto (il 12%) usa lavarsi le mani prima di mettersi a tavola. Il che significa che gli altri sette sono beatamente inconsapevoli dei rischi che corrono. Le mani possono contenere una quantità di batteri tali da renderle più ‘pericolose’ per l’igiene di un corrimano di una scalamobile o della superficie di una panchina in un centro commerciale.

In condizioni normali i microorganismi possono aumentare molto rapidamente e raddoppiare in 20 minuti, le mani umide, secondo i ricercatori, arrivano a contenere una popolazione di batteri mille volte più numerosa rispetto a quelle asciutte.

Se vogliamo arginare la proliferazione indiscriminata di questi nocivi microrganismi è necessario lavare le mani piuttosto spesso e non in fretta e furia, almeno per 30 secondi.
Dalle prove di laboratorio fatte su una comune oggettistica usata in spazi pubblici, come sedie, giochi per bimbi e tavolini, è stata evidenziata la presenza di batteri novici come E.Coli, stafilococco e enterobatteri.

Ecco allora qualche consiglio per evitare di incorporare presenze indesiderate nel nostro corpo:

Lavarsi le mani prima di:

– Maneggiare o consumare alimenti

-Medicare o toccare una propria od un’altrui ferita

-Applicare o rimuovere le lenti a contatto

Lavarsi la mani dopo aver:

-Soggiornato alla toilette o aver toccato l’area anogenitale (cosa peraltro ovvia ma invece…)

-Maneggiato cibo crudo, in modo particolare le carni (pollo, maiale, hamburger) od il pesce

-Cambiato un pannolino

-Soffiato il naso, tossito o starnutito (la gente d solito non usa nemmeno il fazzoletto…)

-Aver accarezzato un animale domestico, soprattutto rettili e animali esotici

-Aver maneggiato rifiuti

-Essersi allenati in palestra

-Essere stati a stretto contatto con persone ammalate, ad esempio al ritorno dall’ospedale

-Dopo aver soggiornato in luoghi molto affollati, come le sale da aspetto di ferrovie, aeroporti ecc.

Non si tratta solo di lavarsi le mani al momento opportuno, di usare una giusta tecnica di lavaggio e detersione. Un risciacquo veloce, infatti, non è sufficiente per eliminare il problema. Prima di pensare che vi lavate le mani in modo corretto leggete di seguito:

-Utilizzare sapone ed acqua corrente, preferibilmente calda

-Lavare accuratamente tutte le superfici, compresi i polsi, i palmi ed il dorso delle mani, le dita e lo spazio al di sotto del margine libero delle unghie

-Sfregare le mani tra di loro e strofinare tutte le superfici per almeno 20 secondi

-Risciacquare abbondantemente

-Asciugare le mani con l’apposita carta usa e getta, con un asciugamano personale pulito o con un dispositivo ad aria calda

-Qualora il lavandino sia dotato dei vecchi rubinetti o dei più moderni ma antigienici miscelatori, questi andrebbero chiusi con le mani protette dalla carta usa e getta

-Eventualmente, applicare una crema idratante per prevenire le irritazioni dopo l’utilizzo di detergenti troppo aggressivi o dopo un lavaggio prolungato

Ricordate inoltre:

Il sapone è sufficiente a rimuovere i germi dalle mani, ma se non avete a disposizione acqua fate almeno uso degli ormai diffusi hand sanitizers, moderni e speciali saponi a base alcolica per lavare le mani a secco, meglio conosciuti come gel igenizzanti mani.
Ricordiamo, infine, che mettere a disposizione dei nostri ospiti del sapone appena scartato per lavarsi le mani ed un asciugamano pulito per asciugarle, è un atto di apprezzata cortesia.

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie