Scoperta nuova specie di delfini “in uniforme”

Per i colori, sembrano vestiti da vigile! Si distinguono dagli altri delfini, infatti, per avere una colorazione biancastra sul ventre e grigio scura, quasi nera, sui lati del dorso e vicino agli occhi, oltre che per possedere dimensioni maggiori e struttura del corpo più robusta. La nuova specie di delfini, nome scientifico Sousa sahulensis, vive nelle acque australiane a largo del Victoria, della Tasmania e del Sud del Queesland.

La scoperta è stata fatta dai ricercatori della Monash University di Victoria dopo aver osservato e misurato le differenze morfologiche, anche attraverso comparazioni storiche, tra diversi esemplari dei mammiferi marini che abitano le acque del sud-est australiano. Gli studi hanno smentito la teoria secondo cui si riteneva che nelle acque australiane risiedessero esclusivamente esemplari della specie Maugeanus appartenente al più ampio genere Tursiope.

L’identificazione della nuova specie, battezzata Burrunan, “grande paesce marino della specie focena” in lingua aborigena, è stata fatta anche grazie ad un’attenta comparazione riguardato la morfologia del cranio, tramite il confronto tra resti (conservati dai musei) di diverse epoche dal 1900 ai giorni nostri, e rilevamenti sul campo, nonchè analisi molecolari del DNA. Gli studi così condotti sono stati pubblicati sulla rivista on line Plos One.

“Questa è una scoperta incredibilmente affascinante – sottolinea Kate Charlton-Robb – essendo state dalla fine del 1800 solo solo tre le nuove specie di delfini scoperte. Ciò che rende questa scoperta ancora più emozionante è che Sappiamo che questi delfini sono unici e le loro popolazioni limitate ad una regione molto piccola del mondo, composte da circa 100 delfini a Port Phillip Bay e 50 a Gippsland Lakes nel Victoria”. A preoccupare non è solo il numero complessivo di esemplari, assai esiguo, ma anche la collocazione delle colonie poste nelle vicinanze di importanti porti di navigazione.

La scoperta arriva a pochi mesi di distanza dalla scoperta di una nuova specie di delfini di fiume in Brasile, il cui nome scientifico è Inia araguaiensis. Questi animali si sarebbero evoluti da antenati che si sono spostati dal Rio delle Amazzoni due milioni di anni fa. Si distinguono dagli altri esemplari di delfini di fiume presenti in Brasile per il numero di denti: hanno solo 24 denti per mandibola, anziché i tipici 25 o 29. L’autore principale dello studio, Tomas Hrbeck, della Universidade Federal do Amazonas, ha detto alla Bbc: “E’ stato un evento inaspettato, si trovano in un’area dove le persone li vedono costantemente, sono dei grossi mammiferi, ma nessuno li aveva guardati attentamente”.

Tuttavia, anche in questo caso il futuro degli animali è molto incerto in quanto il loro habitat, il bacino di Araguaia-Tocantis è a rischio per via dello sviluppo economico del Brasile e a questo si aggiunge l’esiguo numero di animali che non dovrebbe superare il migliaio.

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie