Le 11 scuole più green al mondo, tutte in America

Gli edifici scolastici italiani sono l’esempio della nostra decadenza anche in campo di architettura sostenibile, un esempio da non seguire. Da noi si combatte solo per garantire un minimo di sicurezza agli edifici, mentre negli Stati Uniti vengono premiate innovazione e sostenibilità. E questo nel contesto degli Educational Facility Design Excellence Award 2014, un premio assegnato dall’American Institute of Architects (AIA) alle 11 scuole green degli Stati Uniti che meglio hanno saputo trasmettere i concetti educativi attraverso architetture all’avanguardia, esteticamente belle, confortevoli, ecoefficienti e soprattutto sicure.

Mentre avviene che gli edifici scoalstici siano solamente dei contenitori nei quali dovrebbero essere formate le menti di domani, e nei quali non vi è esempio alcuno di ciò che dovrebbe educare i giovani a formare il futuro sostenibile e green, le scuole green messe in evidenza dall’American Institute of Architects vanno ben oltre a questo concetto, conferendo agli edifici che ospitano gli studenti, un ruolo di primaria importanza nella loro futura formazione.
Ecco alcuni esempi:

Non si tratta solo di una missione educativa quella della Baltimore Design School che ospita una scuola media e superiore all’interno del guscio di una vecchia fabbrica abbandonata. Nonostante un budget limitato, la scuola è un esempio unico di riuso e restauro urbano che ha saputo trasformare un luogo abbandonato e degradato, in una delle scuole green più interessanti degli States, per altro dedicata allo studio delle materie artistiche, della modo, dell’architettura e del design. Combinando l’estetica di un loft industriale con le moderne e tecnologiche aule, i progettisti della Baltimore Design School hanno saputo realizzare un luogo che stimola la creatività degli studenti, trasmettendo l’importanza della riqualificazione urbana.

Anche in questo caso è molto di più che una semplice scuola. Creata per trasmettere ai giovani studenti l’importanza di una vita sana, di un’alimentazione corretta e del benessere per combattere il drammatico problema dell’obesità infantile negli USA, la Buckingham County School mette in pratica questi insegnamenti partendo dagli edifici stessi.
Il team della Buckingham ha anche sviluppato un manuale di Linee guida per architetti contenente una serie di indicazioni e strategie progettuali per realizzare scuole che favoriscano l’attività fisica e la vita all’aperto. Dalle sedie ergonomiche che promuovono i movimenti attraverso il passaggio dalla posizione seduta a quella in piedi, fino ad arrivare alla realizzazione di orti scolastici dove gli studenti possono contemporaneamente apprezzare la vita all’aperto e coltivare direttamente frutta e verdura. Come altre delle scuole green vincitrici, la Buckingham ha ricevuto anche la certificazione LEED Gold.

Nel caso della Drexel University i vecchi capannoni lasciano il posto a gli spazi creativi della scuola d’arte, ridisegnando la struttura per garantire la massima qualità interna, l’illuminazione naturale e la collettività degli spazi.

University of Chicago Child Developement Center ha risposto alla domanda fattasi dai progettisti prima di realizzare questa struttura: “come si progetta l’asilo nido dei figli di futuri premi Nobel?”. La risposta è un edificio che insegna ai bambini ad impegnarsi nella sostenibilità ambientale, arricchito da materiali naturali, da colori vivaci e da una moltitudine di spazi esterni estremamente suggestivi. Il tetto verde e la scelta di un involucro ad alte prestazioni energetiche completano il quadro della “scuola green”.

Wilkes Elementary School è nata per far sentire i piccoli ospiti ben accolti e felici. Tutte le aule si snodano attorno ad uno spazio centrale collettivo arricchito dalle molteplici attività che si possono fare all’aperto. Allo stesso modo la varietà degli spazi interni stimola la creatività degli studenti e facilità l’apprendimento.

Central Arizona College, nata in una zona colpita dalla recessione nazionale, è il nuovo Campus che tenta di riportare una scintilla di speranza, attraverso un’architettura che riesce ad essere efficiente anche in un ambiente desertico. Particolarissime lamelle vetrate esterne permettono di schermare gli interni dai raggi del sole, senza però limitare l’illuminazione. Pannelli di acciaio corten ed articolati percorsi esterni permettono all’edificio di inserirsi nel paesaggio esterno.

Tra le scuole green certificate LEED troviamo anche il Coastline Community College, un’architettura verde che incorpora numerose caratteristiche sostenibili come il recupero delle acque piovane, la ventilazione naturale, i tetti verdi, living wall e l’illuminazione naturale.

James B. Hunt Jr. Library at North Carolina State University Raleigh, è una biblioteca che incorpora numerosi accorgimenti ecosostenibili per garantire un ambiente confortevole e di qualità. L’edificio dispone di abbondante luce naturale e ampie viste sul vicino lago. Vetro basso emissivo ed un sistema di ombreggiatura esterno in alluminio fisso diminuiscono il guadagno di calore e massimizzano la vista e la luce naturale. Un impianto a travi fredde attive montato a soffitto ed i pannelli radianti forniscono il riscaldamento ed il raffreddamento, mentre un rain garden ed i tetti verdi gestiscono l’acqua piovana.

Nathan Hale High School Modernization, inserita in una struttura preesistente risalente al 1960, è ora un nuovo liceo in una struttura flessibile e luminosa, che dimostra le infinite possibilità del riuso di strutture urbane senza trascurare efficienza, sostenibilità e qualità dell’abitare.

PAVE Academy Charter School / Mitchell, questa struttura, realizzata nel quartiere Red Hook di Brooklyn e destinata a portare uno spiraglio di luce in un quartiere povero e degradato. In questa struttura i bambini sono accolti dalla mattina alla sera, favorendo la convivenza anche tra le famiglie stesse.

Raisbeck Aviation High School, collocata in una zona dominata da un’industria aeronautica, è un liceo si propone di formare i ragazzi in questo particolare settore, indirizzandoli poi ad Università specifiche. Arricchita da laboratori ed aule didattiche indirizzate al settore aeronautico e robotica, tutto nell’edificio è ispirato a questo mondo a partire dalla facciata stessa, ispirata alla forma di un aereo.
Fonte Rinnovabili.it

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie