8 mila anni di coltivazione del pesco

7.500 anni fa in Cina venne assaggiata la prima pesca, e precisamente nella provincia dello Zhejiang. E’ questa la data più antica stimata per la domemsticazione dell’albero di pesco.

Il termine “domesticare” una pianta significa iniziarea coltivare una specie selvatica ritenuta interessante, selezionando le caratteristiche che la rendono adatta all’essere umano. E’ stato questo il modo in cui l’uomo nel corso della sua evoluzione ha selezionato i cereali, le spighe grandi e via dicendo. Così la varietà prescelta diventa sempre meno adatta alla vita allo stato selvatico, e sempre più bisognosa di cure.

Ma se si sa abbastanza dei cereali, molto meno si conosce sull’origine delle piante arboree. E questo vale anche per il pesco: già si sapeva che la sua coltivazione ebbe origine in Cina, ma questo studio, realizzato dallo Zhejiang Provincial Institute of Relics and Archaeology in collaborazione con l’Università di Toronto Missisagua (Canada), fa ora luce su tempi e luoghi in cui l’essere umano cominciò a selezionarlo.

I ricercatori cinesi e canadesi hanno analizzato oltre 200 semi di pesco trovati in diversi siti archeologici, principalmente nella valle dello Yangtze, datati (con il metodo del radiocarbonio) in un periodo che va più o meno da 8.000 a 3.000 anni fa. Hanno confrontato forma e dimensioni dei semi: da quelli più antichi, piccoli e tondeggianti, ai più moderni, via via più grandi, ovoidali e appiattiti; queste ultime caratteristiche, spiegano gli autori, sono tipiche dei semi di frutti polposi. E il cambiamento progressivo di dimensione e forma testimonia un processo di selezione da parte degli antichi agricoltori cinesi.

Il progenitore selvatico del pesco (la specie Prunus persica) molto probabilmente aveva frutti piccoli, con un sottile strato di polpa. Generazione dopo generazione i nostri predecessori hanno scelto i peschi che producevano i frutti più grandi, più dolci e succosi, ma anche quelli che crescevano più rapidamente e che avevano il periodo produttivo più lungo. I più antichi semi di pesca simili alle forme moderne risalgono al periodo che va da 4.300 a 5.300 anni fa; sono stati quindi necessari circa 3.000 anni per far sì che le antiche pesche somigliassero ai frutti che mangiamo oggi.

Oltre a premetterci di ricostruire la storia del pesco, lo studio mette anche in luce il notevole avanzamento delle tecniche agricole note in Cina nel Neolitico. Gary Crawford, docente di antropologia e co-autore dello studio, fa infatti notare che, per realizzare la selezione, gli antichi cinesi dovevano già conoscere una tecnica complessa come quella dell’innesto: “I semi presentano una grande variabilità genetica e non è possibile sapere se un determinato seme produrrà gli stessi frutti dell’albero da cui deriva. Solo la tecnica dell’innesto poteva garantire il risultato voluto”.

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie