CasaClima alla “prova del ghiaccio”

La “sfida del cubo di ghiaccio” arriva a Milano. Per due  settimane Piazza Castello sarà teatro della manifestazione itinerante che CasaClima sta portando nelle principali città italiane per far conoscere i vantaggi delle costruzioni ad alta efficienza energetica.

CasaClima lombardia, con il patrocinio del Comune di Milano, mercoledì 24 settembre posizionerà due blocchi di ghiaccio, da circa un metro cubo ciascuno, nelle vicinanze dell’ExpoGate: il primo esposto all’aria aperta, l’altro custodito all’interno di un prototipo che simula le prestazioni di un edificio in classe CasaClima Gold. L’8 ottobre, dopo quattordici giorni di esposizione agli agenti atmosferici, i due blocchi di ghiaccio verranno confrontati per valutarne la quantità in volume.  Il fine dell’esperimento è dimostrare che la temperature e il comfort delle case passive possono mantenersi costanti nel tempo, senza dispendio energetico ma grazie alla perizia costruttiva e ai materiali utilizzati.

Il progetto milanese si contraddistingue in particolare per la forte valenza architettonica dell’installazione che ospiterà il cubo di ghiaccio: un perfetto connubio tra design d’avanguardia, efficienza energetica ed eco-sostenibilità. Legno, sughero e vetro sono i protagonisti della struttura, realizzata con la collaborazione di aziende altamente specializzate coinvolte nel progetto dalla capofila Tecnosugheri (partner CasaClima), tra cui la BLM Domus, divisione del Gruppo Bevilacqua, una delle realtà italiane più all’avanguardia nella costruzione di case passive in legno, che ha realizzato proprio l’involucro di legno usato per questo esperimento.

“Prendere parte a questa sfida ci permetterà di dimostrare tutti i vantaggi di una casa in legno” – spiega Marco Bevilacqua, direttore tecnico di BLM Domus. “Duttile, leggero, dotato di proprietà antisismiche ed ecologico, il legno rappresenta una straordinaria opportunità di abitare in modo confortevole e naturale, il tutto in case sicure ed energeticamente efficienti che rispondono efficacemente alle sempre più diffuse richieste di sostenibilità, riduzione dell’impatto ambientale e risparmio energetico con cui l’edilizia deve confrontarsi”.

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie