Earth Day italia aderisce alla Mountain Partnership delle Nazioni Unite

La montagna come motore di innovazione sociale per promuovere uno sviluppo economico sostenibile, equo e inclusivo e favorire un futuro di prosperità e dignità per tutti. Senza dimenticare il diritto a un’alimentazione adeguata e a una migliore nutrizione. È allineandosi a questo orizzonte ideale che Earth Day italia aderisce alla Mountain Partnership delle Nazioni Unite, diventando uno dei 235 membri che – tra Governi, organizzazioni governative e non, gruppi organizzati privati e associazioni della società civile – fanno parte dell’alleanza volontaria impegnata nella tutela e nella valorizzazione dei territori montani e dei loro abitanti.

«L’Expo2015 – spiega il presidente di Earth Day Italia Pierluigi Sassi – è un’opportunità straordinaria per portare all’attenzione del mondo l’urgenza, ormai imprescindibile, di mettere al centro dello sviluppo economico la sostenibilità ambientale e alimentare. Fenomeni imponenti e umanamente disperanti come la fame e le migrazioni di massa, sono tutti risultato di un’unica colpa: lo sfruttamento irresponsabile del Pianeta e delle sue risorse. Se vogliamo Nutrire il Pianeta , come grida l’Expo senza troppi peli sulla lingua, – prosegue Sassi – dovremmo innanzitutto assumerci la responsabilità di questa colpa e cominciare a tutelare ogni piccola economia, ogni piccola comunità, ogni piccolo ecosistema.

La Mountain Partnership guidata dalla FAO è un esempio straordinario di questo nuovo approccio ed Earth Day Italia è onorata di entrare a farne parte. Insieme ai suoi tantissimi partner andremo all’Expo per raccontare l’importanza, silenziosa ma assoluta, di tutelare le piccole comunità montane che con la loro economia semplice conservano ecosistemi fondamentali per la vita sulla terra. Sono esempi di sostenibilità ai quali tutti dovremmo ispirarci. Ma soprattutto sono custodi fondamentali del nostro unico Pianeta. Vanno difesi a spada tratta se vogliamo che ci sia cibo per tutti quando i nostri figli vedranno un pianeta con 10 miliardi di abitanti. Per questo – anticipa il presidente di Earth Day Italia – la Mountain Partnership sta pensando a un marchio per il rilancio dei prodotti provenienti dalle migliori economie di montagna. Nessun disciplinare stringente naturalmente. Solo uno strumento per rilanciare anche sui mercati l’importanza di certe sensibilità nelle scelte di acquisto di tutti noi. Earth Day Italia sposa in pieno questa iniziativa e farà certamente la sua parte».

Earth Day Italia supporterà le attività della Mountain Partnership dando voce e forza al mondo scientifico, istituzionale e industriale impegnato nella promozione dell’innovazione tecnologica mirata a questo particolare territorio. Contribuirà a favorire un vero cambiamento culturale, creando opportunità di interazione tra la società civile, le istituzioni e il mondo dell’impresa. Incoraggerà lo sviluppo di idee e progetti di attenzione ambientale, facilitando la raccolta fondi da destinare a istanze umanitarie legate all’impatto ambientale. Una vocazione che trova nella montagna un modello fertile e interessante per il suo essere un territorio “resiliente”, capace di adattarsi ai cambiamenti globali, compresi quelli climatici. Ma anche di sviluppare pratiche tradizionali ancora oggi valide, coniugandole con una costante apertura all’innovazione.

«Le montagne – commenta Thomas Hofer, Coordinatore del Segretariato della Mountain Partnership – sono spesso invisibili e ignorate dai processi politici nazionali e internazionali. In montagna abitano le popolazioni più povere e affamate del mondo, ma intorno a loro c`è ancora una grande indifferenza. Earth Day Italia ha dimostrato di avere a cuore il futuro delle popolazioni emarginate ed escluse dai grandi processi di sviluppo. Accoglierli nella Mountain Partnership ci dà una nuova speranza. Contiamo sulle grandi capacità di comunicazione di Earth Day Italia per far conoscere e migliorare la situazione delle popolazioni montane del mondo».

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie