Influenza, arriverà a Novembre e metterà ko 4 milioni di italiani

Et voilà, l’Università degli Studi di Milano si è pronunciata sull’influenza e ha fatto le previsioni autunno-inverno 2014. I primi episodi si manifesteranno agli inizi di Novembre e (come al solito, aggiungerei) raggiungeranno il picco nel periodo natalizio. Sembra però che i sintomi non saranno particolarmente aggressivi.

Si parla di estate finita, ma alla resa dei conti possiamo forse affermare che sia mai iniziata? In ogni caso stiamo correndo letteralmente verso l’autunno e l’autunno è foriero dei mali di stagione, primo fra tutti l’influenza: febbre, dolori articolari, naso chiuso…

In base alle previsioni degli esperti, con l’arrivo del freddo, agli inizi di Novembre, almeno 4 milioni di italiani si metteranno a letto con l’influenza, che però non sarà particolarmente virulenta.

Sono tre i ceppi di virus attesi per quest’anno: H1N1 California, H3N2 Massachusetts e B Texas. Nonostante le denominazioni esotiche, e piuttosto cinematografiche, possano far pensare a qualche tipo di epidemia incontrollabile, in realtà questi batteri sono piuttosto conosciuti e previsti nelle profilassi stagionali dei vaccini: malgrado questo, però, gli italiani colpiti saranno molti anche a causa dei bacilli cosiddetti «cugini», che hanno mietuto vittime anche durante l’estate a causa dei frequenti sbalzi termici di questa stagione ballerina e che potranno aumentare il computo dei malati fino a circa 10 milioni.

Si raccomanda sempre prudenza tra quei soggetti a rischio, sui quali questi virus tendenzialmente innocui potrebbero sviluppare qualche sorta di complicazioni: dunque anziani e persone affette da condizioni respiratorie o cardiache, come sempre, dovranno prestare particolare attenzione. Per chiunque voglia ricorrere al vaccino, sempre secondo gli esperti dell’Università degli Studi di Milano, il periodo migliore potrebbe essere fine novembre, per evitare il picco di un’epidemia che in special modo dovrebbe risultare virulenta attorno al periodo natalizio.

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie