Laniakea, l’immenso paradiso in cui convivono le galassie

Che cos’è Laniakea? Una casa nel cosmo. Una enorme grande casa il cui diametro è di 500 milioni di anni luce (circa), e in cui convivono migliaia e migliaia di galassie più o meno simili alla nostra.

E’ questo il risultato di una recente scoperta fatto dall’Istituto di astrofisica dell’Università delle Hawaii, ma che va ancora interpretato. Ciò che tutti sappiamo è che la Terra appartiene a un sistema solare e che quest’ultimo fa parte di una grande isola di stelle, circa 200 miliardi, che formano la nostra galassia, la Via Lattea. Da diversi anni gli astronomi sanno anche che la nostra galassia non è una viaggiatrice solitaria nell’Universo, ma fa parte di una grande gruppo di galassie, detto cluster, che tra loro estendono lunghi bracci di gas, polveri e materia oscura (materia di cui conosciamo l’esistenza, ma non la composizione).

Ma ciò che si è scoperto ora è che questo cluster fa parte di un ancor più vasto super-cluster a cui è stato dato il nome hawaiano di Laniakea, che in lingua locale significa immenso paradiso, suggerito da Nawa‘a Napoleon, un linguista dell’Università delle Hawaii, in onore dei navigatori polinesiani che grazie alla loro profonda conoscenza dei cieli riuscivano a orientarsi e a navigare nell’Oceano Pacifico.

La nostra “casa”, perciò, è assai più vasta di quel che si pensava fino a poco tempo fa e comprende centinaia di milioni di miliardi di stelle: se potessimo pesare questa incredile quantità di materia dovremmo mettere, sull’altro piatto della bilancia, cento milioni di miliardi di stelle come il nostro Sole (concetto per altro davvero difficile da immaginare).

«Anche se i risultati finali sono stati ottenuti solo nelle ultime settimane, il lavoro ha richiesto decine di anni e la collaborazione di centinaia di astronomi che hanno aggiunto tasselli importanti a questo quadro. Ora possiamo dire che abbiamo un grande schema della struttura dell’Universo in cui viviamo», ha detto Brent Tully, responsabile dello studio pubblicato su Nature.

In conclusione, all’interno di Laniakea vi sarebbero 13 cluster di galassie, compreso il Grande Attrattore. Con questo enigmatico nome si intende un insieme di galassie che creano una forte anomalia gravitazionale che attira a sé la maggior parte delle galassie di Laniakea. Ed è proprio studiando il moto di tutte le galassie che si è potuto capire che esse si muovono verso un punto preciso dell’Universo. Il lavoro è risultato ancor più complesso perché ogni galassia tende ad allontanarsi dalle altre (è l’effetto del Big Bang) e dunque si è dovuto scindere i movimenti di ogni singola isola di stelle.

Ma Laniakea si muove? Sì. Secondo una ricerca tutta da approfondire, questo super-cluster sembra stia scivolando verso la concentrazione di galassie chiamata Shapley, «una concentrazione di galassie adiacente alla nostra e verso la quale punteremo le nostre ricerche future», ha dichiarato Tully.

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie