Siamo lontani dalla ripresa, flessione delle vendite al dettaglio: -1,5% a Luglio

I dati Istat ci rivelano che la ripresa italiana non passa certo per le vendite al dettaglio. Infatti i dati sul commercio rilevati nel mese di Luglio, sono negativi. Le vendite al dettagli osegnano una “lieve contrazione” dice il rapporto dell’Istat: -0,1% rispetto al mese precedente. Ma assai più pesante è la contrazione rilevata su base annua: l’indice grezzo del valore totale delle vendite scende dell’1,5%. Variazioni annuali negative si registrano sia per le vendite di prodotti alimentari (-2,5%), sia non alimentari (-1%). Anche nella media del trimestre maggio-luglio 2014, l’indice scende rispetto ai tre mesi precedenti (-0,5%).

La media del trimestre maggio-luglio 2014 mostra che l’indice si flette rispetto ai tre mesi precedenti (-0,5%). Con riferimento alla forma distributiva, nel confronto con il mese di luglio 2013 le vendite diminuiscono sia per le imprese della grande distribuzione (-0,9%) sia per quelle operanti su piccole superfici (-2%).

Nei primi sette mesi dell’anno, l’indice grezzo diminuisce dell’1,1% rispetto allo stesso periodo del 2013. Una variazione negativa di pari entità (-1,1%) si è registrata sia per le vendite di prodotti alimentari sia per quelle di prodotti non alimentari. Per quanto riguarda il valore delle vendite di prodotti non alimentari, a luglio, le vendite aumentano, in termini tendenziali, per il giocattoli, sport e campeggio (+1,2%) e restano invariate per il gruppo foto-ottica e pellicole, supporti magnetici, strumenti musicali. Le vendite diminuiscono in tutti gli altri gruppi di prodotti: la flessione più marcata riguarda il gruppo cartoleria, libri, giornali e riviste (-3,6%).

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie