Una lunga notte di scienza, il 26 settembre torna l’appuntamento con la notte europea dei ricercatori

Una lunga notte, quella dedicata alla ricerca: il 26 settembre torna l’appuntamento con la Notte europea dei ricercatori promossa dalla Unione Europea per sensibilizzare l’opinione pubblica sull’importanza di promuovere la scienza e lo sviluppo tecnologico. A festeggiare l’evento, molti Istituti della rete scientifica del Consiglio nazionale delle ricerche.

La notte è lunga anche a Roma. Il Museo Civico di Zoologia ospita quest’anno ‘Light-Accendi la luce sulla scienza’ a cura dell’Istituto di ricerca sulla popolazione e le politiche sociali. (www.eventolight.it), ospite d’eccezione Piero Angela alle 18.00. Tra le attività: ‘I Robot fanno squadra’ (Istituto scienze e tecnologie della cognizione); la chimica diventa gioco con ‘ExperimentaChimica’ dell’Istituto metodologie chimiche; si osserverà una goccia d’acqua al microscopio grazie agli esperti dell’Istituto di ricerca sulle acque. Per i bambini il Planetario mobile e  animazione scientifiche a cura del Museo di zoologia che si potrà visitare gratuitamente; ricco il carnet degli spettacoli. L’Ospedale pediatrico Bambino Gesù porta giochi, clown, spettacoli e magia e un laboratorio per fare osservazioni di cellule al microscopio e illustrare il funzionamento delle gambe ‘robotiche’. Saranno presenti le invenzioni vincitrici di ‘InvFactor-Anche tu genio’.

Presso l’Area della ricerca di Tor Vergata l’appuntamento si inserisce nell’evento ‘Frascati Scienza’, dedicato al tema della sostenibilità. Molti i laboratori per ‘toccare con mano’ la ricerca: dall’acustica per diagnosticare lo stato di salute dei dipinti murari a cura dell’Idasc alle ricostruzioni 3D della Villa di Livia e di Etruscanning, a cura dell’Itabc; dalle misurazioni atmosferiche dell’Isac alla spettroscopia elettronica dell’Ism. Per le attività on the road: il suono in 3D, robottini Lego, dimostrazioni sulle pratiche di primo soccorso, osservazione al telescopio del Sole e, dopo il tramonto, di Saturno, stelle e oggetti celesti. Per concludere la conferenza ‘SOS teniamo il Pianeta’, con interventi del divulgatore Roberto Vacca e del direttore generale CNR Paolo Annunziato, modera il giornalista Marco Gisotti, con il saluto di Ignazio Marino, Sindaco di Roma Capitale.

‘Come eravamo e come siamo: la ricerca sui laghi ieri e oggi’ è il tema della manifestazione organizzata dall’Istituto di studio sugli ecosistemi di Verbania Pallanza in occasione dei suoi 75 anni con la mostra ‘L’acqua per la vita, una vita per l’acqua’, i filmati di ‘LagoCinema’, il laboratorio aperto al pubblico ‘LagoLab’, ‘LagoStory’ e ‘Sailing’ e “Lago maggiore in vela”. A Torino, laboratori per diventare botanici con l’Istituto per la protezione sostenibile delle piante.

In Liguria, sotto slogan ‘Party don’t stop’, si concentrano tantissime proposte. A La Spezia con l’Istituto di scienze marine si andrà alla ricerca dei reperti spiaggiati, mentre un collegamento streaming con il porto di Genova permetterà di assistere ad una esplorazione subacquea; la conferenza ‘Operazione golfo pulito’ affronterà le tematiche delle ‘isole di spazzatura’. Nel centro Salvator Allende è invece allestita la mostra fotografica ‘Wawe watching walk’ sulle mareggiate liguri, a cura dell’Istituto per l’energetica e le interfasi. A Genova ci si può divertire con la Caccia al tesoro negli archivi della Fondazione Ansaldo e seguire la modellazione 3D del corpo umano con l’Istituto di matematica applicata e tecnologie informatiche.

Di superconduttori, nanomedicina, levitazione magnetica ed energia solare si parla nei laboratori dell’Istituto dei materiali per l’elettronica e il magnetismo di Parma(www.comunicarelaricerca.it/).

A Firenze l’Istituto di chimica dei composti organometallici presenta ‘Colorando l’energia’, sul funzionamento dei nuovi dispositivi per la produzione di energia dal sole . A Pisa ben “10 dimostrazioni in laboratori, 17 video, 6 visite guidate ai laboratori, 5 mostre e 8 dimostrazioni live di cui una con il drone del CNR” come annuncia il presidente dell’Area delle ricerca del Cnr Domenico Laforenza . Tra gli appuntamenti: un laboratorio sulle acque potabili a cura dell’Istituto di geoscienze e georisorse; scansione 3D dei visi dei visitatori e uno specchio elettronico in grado di rilevare il benessere della persona raffigurata dell’Istituto di scienza e tecnologie dell’informazione; si potrà imparare a riconoscere gli odori annusandoli con ‘il ficcanaso elettronico’ realizzato dall’Istituto di fisiologia clinica; proiezione del film documentario ‘In viaggio su Urania’ a cura dell’Istituto di biofisica. Per i bambini: cartoni ‘Navighiamo sicuri con il Prof. Ittì’ per usare con sicurezza internet, esperimenti con la carta a cura dell’Istituto per i processi chimico-fisici,performances di gruppi musicali, spettacoli di danza e sbandieratori.

I ricercatori dell’Istituto di tecnologie biomediche di Bari celebrano la giornata con visite guidate e la demo ‘Sveliamo l’identità della ricerca’ che prevede una estrazione sperimentale del DNA dalla saliva. A Lecce, nell’ambito di ‘Salento reserach’, l’Istituto nanoscienze-Laboratorio nazionale di nanotecnologia ha in programma tra le varie attività: uno stand ‘Nanotecnologie per la salute’ e l’appuntamento ‘Alla luce delle nanotecnologie molecolari’ dedicato agli Oled e alle celle solari di terza generazione

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie