Mette il cane in lavatrice e posta le foto su Facebook

Hong Kong – Un “uomo” ha diffuso su Facebook alcune foto che ritraggono un cane rinchiuso in una lavatrice in funzione. La Polizia di Hong Kong ha aperto un inchiesta per crudeltà verso gli animali.

Nelle foto pubblicate dal proprietario dell’animale, si vede chiaramente un cucciolo bianco aggrappato ai margini della lavatrice che funziona a piena velocità che cerca disperatamente di uscire e tenere la testa fuori dall’acqua. L’idiota si è giustificato sostenendo che queste foto dimostrano “un modo ultra-veloce per lavare un cane”. Alla domanda di un altro utente, preoccupato se avesse ucciso il cane, l’uomo ha risposto: “Sì. Ti piacerebbe vedere?”

Il mese scorso, dopo la pubblicazione di queste foto circa 20.000 persone hanno firmato una petizione su internet invitando le autorità ad agire. La legislazione in vigore in Hong Kong prevede che atti di crudeltà contro gli animali possono comportare sanzioni fino a tre anni di carcere e una multa di circa 26.000 $.

Il maltrattamento di animali è ritenuto un grave indicatore di pericolosità sociale, ossia la persona che ha commesso il reato (maltrattamento o uccisione di animali) è molto probabile compi in futuro altri comportamenti pericolosi per l’intera società. Il rapporto con gli animali è oggi un indicatore che ha già ottenuto il massimo riconoscimento di attendibilità dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, dall’Associazione Psichiatri Americani, dal Dipartimento di Giustizia Minorile e Prevenzione della Violenza USA, dal Federal Bureau Investigation (FBI).

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie