Il progetto Water Tank ridisegna lo skyline newyorchese per sensibilizzare sulla crisi idrica

La Grande Mela è sempre stata capace di sperimentare e di accogliere le nuove tendenze dell’architettura mondiale, un luogo di cambiamenti, tendenze e progresso. E sfruttando queste potenzialità è stato pensato un progetto per lanciare in tutto il mondo – partendo dalla “piazza centrale” del Pianeta – un messaggio forte per sensibilizzare al valore dell’acqua attraverso l’arte e la cultura.

Educare all’aqua “Il progetto Water Tank è un appello ai newyorkesi per cercare di diventare, attraverso l’arte, consapevoli di problemi importanti come la sostenibilità e la disponibilità dell’acqua – ha spiegato Mary Jordan, fondatrice del progetto – Acquisendo coscienza e attraverso piccoli ripensamenti nelle abitudini quotidiane si può attivare un cambiamento migliore e di lunga durata a vantaggio di tutti”.

The Tank Water, è un’iniziativa di Word Above the Street, un’organizzazione non-profit dedicata a promuovere la consapevolezza e l’educazione ambientale attraverso progetti artistici su larga scala. Questa estate, artisti di fama mondiale e talenti emergenti insieme agli studenti delle scuole pubbliche, saranno realizzati sui palazzi della Grande Mela enormi tele per avvolgere serbatoi d’acqua con lo scopo di deliziare il pubblico e richiamare l’attenzione sulla crisi globale dell’acqua. Tra i creativi che si sono impegnati nel valorizzare questa preziosa risorsa figurano nomi di grido nel mondo dell’arte come Ed Ruscha, John Baldessari, Jeff Koons, Andy Goldsworthy, Marilyn Minter, Carrie Mae Weems, e Lawrence Weiner.

Secondo un documento di Save the Children, su 7 miliardi di persone, 768 milioni non hanno ancora accesso a fonti di acqua salubre e 2,5 miliardi vivono in pesanti condizioni igieniche. Fra loro, una percentuale rilevante è costituita da bambini. I serbatoi del Water Tank Project (selezionati su un totale di 17.000 soltanto a Manhattan) continuano a crescere sui rooftop della Mela ed è possibile localizzarli, in progress per tutta l’estate, su una piattaforma pensata appositamente per gli smartphone, in grado di indicizzare il nuovo tank pitturato, specchio dell’artista che lo ha preso in prestito.

Mary Jordan, direttore creativo e filmmaker – spiega ­ “Dal 2010, anno di fondazione del Word Above the Street, il Water Tank Project rappresenta un appello rivolto ai cittadini di New York affinché tirino su lo sguardo e, attraverso l’arte, diventino consapevoli delle questioni che riguardano la sostenibilità e l’accesso all’acqua potabile” “Occorre una chiara coscienza del problema per operare un cambiamento duraturo nelle nostre abitudini quotidiane. Se è vero che New York City è il megafono del mondo, allora possiamo ancora credere nel potere dell’educazione e del progresso”

 

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie