WFP lancia un operazione di emergenza per sfamare le persone colpite dalla violenza nell’Ucraina dell’Est

Ucraina – Il WFP (Programma Alimentare Mondiale delle Nazioni Unite) sta organizzando l’assistenza alimentare per le persone vulnerabili colpite dal conflitto, distribuendo cibo nei centri di transito e nei ricoveri pubblici a Donetsk e Luhansk nell’Ucraina dell’Est.

Il WFP in collaborazione con altri partners locali, dall’inizio di settembre, ha distribuito pacchi alimentari con cibo in scatola, pronto per essere consumato, come carne, pesce, verdure, biscotti, marmellata e thé. Sino ad ora, sono state distribuite 10.000 razioni giornaliere, sufficienti a sfamare 2.000 persone per 5 giorni.

Il pricipale obbiettivo del WFP è potenziare l’operazione di assistenza portando a 90.000 le razioni giornaliere per sfamare oltre 18.000 persone per cinque giorni, prima della fine del mese. Gli assistiti sono soprattutto sfollati in precarie condizioni di salute, donne incinte o che allattano, anziani e famiglie numerose. “I combattimenti negli ultimi mesi, soprattutto nelle città di Lugansk e Donetsk e nelle zone circostanti, hanno reso più difficile l’accesso al cibo e ai servizi di base. Molti sono rimasti, ma altre migliaia di famiglie hanno abbandonato improvvisamente le proprie abitazioni, spesso senza nulla per il viaggio”, ha dichiarato Carlo Scaramella, Vice Direttore Regionale del WFP per il Medio Oriente, Nord Africa, Asia Centrale ed Est Europa.

“Ci siamo procurati localmente il cibo da distribuire ai più bisognosi in modo da sostenere l’economia locale con iniezioni di denaro e intendiamo avviare un progetto di buoni pasto che sosterrà i mercati locali nelle zone in cui essi ancora funzionano bene”, ha aggiunto.
Entro la metà di ottobre, fino a 10.000 sfollati riceveranno buoni alimentari del WFP –  per un valore complessivo di circa 500.000 dollari – permettendo loro di acquistare e scegliere il cibo a disposizione nelle loro comunità.

Questa assistenza rappresenta la prima risposta del WFP alla crisi in Ucraina e risponde a una richiesta di assistenza da parte dei “Servizi dello stato di emergenza” del governo dell’Ucraina. L’agenzia dell’ONU per i rifugiati UNHCR ha ufficialmente identificato più di 310.000 sfollati. I numeri totali potrebbero, però, essere almeno il doppio.Attualmente è in vigore un fragile cessate il fuoco nella regione orientale. Tuttavia, la situazione rimane molto incerta e imprevedibile. Il WFP e i suoi partners si preparano ad aumentare l’assistenza necessaria in previsione di combattimenti nella costa sud, attorno a Novoazovsk e Mariupol, e a causa dell’avvicinarsi dell’inverno.
Il WFP prevede di lanciare un’operazione di emergenza in Ucraina per sfamare 120.000 persone nei prossimi sei mesi ad un costo di 15 milioni di dollari.

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie