Anticoagulanti: aiuto prezioso durante i trapianti

Il trapianto di organi è un’operazione molto complessa che comporta rischi molto elevati, per il paziente che si sottopone all’intervento, per il team che opera e e per gli organi che vengono trapiantati. Ma un gruppo di ricercatori francesi, dell’Institut National de la Sante’ et de la Recherche Medicale (INSERM), della University of Poitiers e del Centre Hospitalier Universitaire (CHU) di Poitiers, in uno studio pubblicato sulla rivista British Journal of Surgery, ha scoperto che i farmaci che prevengono la formazione di coaguli di sangue possono proteggere gli organi durante il trapianto.

Quando un organo viene trapiantato da un donatore a un ricevente, vi e’ un lasso di tempo in cui viene privato del normale flusso sanguigno. Questo puo’ causare danni che possono aumentare anche quando il flusso del sangue viene ripristinato, a causa dell’elevato rischio di coagulazione. “Gli anticoagulanti potrebbero aiutare gli organi contro questi effetti”, hanno detto i ricercatori. Per dimostrare questa tesi, gli studiosi hanno testato l’uso del farmaco fondaparinux in un modello sperimentale di trapianto di rene. L’uso dell’anticoagulante e’ stato collegato con un miglioramento immediato della funzione renale dopo il trapianto e anche nei mesi successivi.

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie