Gli oggetti di uso comune ospitano più batteri del wc

In un articolo di qualche tempo fa avevamo parlato dei batteri, e del fatto che ci seguono ovunque, anche quando traslochiamo. Forse la maggior parte di noi nemmeno immagine in quali posti o su quali oggetti si annidano. E’praticamente inutile evitare i bagni pubblici, quando le nostre case sono la patria di allegre e prolifiche comunità di batteri. Vi sono oggetti che usiamo tutti i giorni che sono infestati da questi impertinenti colonizzatori al punto che persino la tavoletta del wc è meno pericolosa di quanto si possa immaginare. A confermarlo è stata una ricerca condotta da alcuni scienziati dell’Università dell’Arizona. Ad esempio, batteri fecali come l’Escherichia coli e lo Staphylococcus aureus, sono presenti in massicce quantità su altri oggetti casalinghi. Stiliamo una classifica deegli incriminati. Ai primi posti il tagliere da cucina su cui si possono nascondere 200 volte più batteri fecali rispetto al water. A seguire la spugna, con una quantità ben 200mila superiore e il canovaccio con 20mila germi in più. Charles Gerba, uno dei dei ricercatori è chiaro: “Basta asciugarsi le mani dopo aver toccato del cibo contaminato. L’asciugamano si passa poi sulle mucose di occhi, naso e bocca ed ecco che i batteri entrano nel nostro organismo. Se più membri della famiglia usano lo stesso aciugamano, poi, batteri e virus possono diffondersi da persona a persona”. Ed ora occhio ai prossimi oggetti in elenco, su cui erdere unpo’ di tempo in più per lavarli frequentemente.

Tagliere da cucina: fate attenzione se è di legno, può diventare ricettacolo di batteri pericolosi come l’Escherichia coli o la salmonella.
Manopole della cucina e rubinetti: letteralmente affollati da germi perché li tocchiamo quando abbiamo le mani sporche
Piano della cucina: ci viene appoggiato di tutto e sarebbe preferibile un materiale come il marmo.
Portaspazzolino e spazzolino: attenzione, perché portiamo i batteri direttamente in bocca lavandoci i denti.
Lavello di cucina: anche quest’ultimo ospita di tutto, a cominciare dagli avanzi del cibo, ma anche lavandoci frutta, verdura e carni.
Tastiera del computer: ospita circa 400 volte più batteri di quelli presenti nella tavoletta del wc.
Macchinetta del caffè: sono i residui lasciati dall’acqua ad essere vettori di batteri.
Spugna del lavandino: dato che di solito è sempre umida, costituisce un ambiente perfetto per la proliferazione di nemici invisibili.
Giochini degli animali domestici: si commentano da soli
Cellulare: i germi che vi trovano casa sono in quantità dieci volte superiori a quelli presenti sulla tavoletta del gabinetto.
Menù del ristorante: ospitano una quantità di batteri ben 100 volte superiore a quella della tavoletta del gabinetto, visto e considerato che vengono manipolati da moltissime persone e raramente vengono puliti
Giocattoli: passano dalla bocca dei bambini al pavimento e viceversa. Vanno lavati molto spesso.

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie