La Papaya il frutto del benessere a tutto tondo

Chi non ha mai assaggiato la Papaya? Ormai si trova ovunque ed è facile da riconoscere, per la sua buccia verde e l’invitante polpa arancione. E’ un frutto oblungo simile all’avocado, al cui interno si trovano tanti semini dal colore marrone-grigio. E’ altresì vero che se conoscono i benefici, infatti è considerato un ottimo ricostituente, perchè oltre ad essere ricca di acqua, offre vitamine, acido folico, flavonoidi, magnesio e potassio. Contiene inoltre una buona quantità di carboidrati. E’ molto dolce e per questo viene chiamata anche frutto degli angeli. Ovviamente sulle nostre tavole si trova sovente ed oggi usata anche nella preparazione di dolci e cocktail, oppure la sitrova sottoforma di integratore. Per le sue proprietà benefiche, scientificamente provate, il suo consumo si sta diffondnedo sempre di più. Una delle sue più note virtù è quella di rallentare l’invecchiamento, soprattutto se consumata nel momneto di massima maturazione, in quanto è ricca di sostanze antiossidanti in grado di combattere i radicali liberi e di prevenire e rallentare la formazione di tumori e l’insorgere di disturbi cardio-vascolari.

Le sostanze antiossidanti contenute nella papaya aiutano a prevenire l’ossidazione del colesterolo, cioè la formazione di placche aterosclerotiche che possono essere causa di infarti e ictus. Ma ne trae giovamento anche l’apparato gastrointestinale perchè oltreutto è ricca in fibre, in questo caso i maggiori benefici si hanno quando il frutto è poco maturo poichè in questa fase contiene la papeina: un enzima che agisce come i succhi gastrici e favorisce la digestione. Mangiare una macedonia a base di papaya alla fine di un pasto molto abbondante, dunque, è un vero toccasana. Ma ciò che non dobbiamo dimenticare è che un recente studio scientifico ha dimostrato che le fibre contenute nella papaya si legano alle tossine cancerogene del colon tenendole lontane dai tessuti sani. Per questo motivo e per le proprietà antiossidanti di cui sopra, la papaya è considerata un ottimo rimedio naturale nella prevenzione del cancro al colon. Non pensiate però di gettar vi a i semi, poichè essi sono commestibili e anche loro hanno delle straordinarie qualità. Se assunti quotidianamente sono considerati un ottimo contraccettivo naturale, molto noto soprattutto nella medicina orientale. Le donne in stato di gravidanza, invece, non dovrebbero abusarne, né dei semi né del frutto, soprattutto se non abbastanza maturo. La papaya acerba, infatti, come detto precedentemente contiene papeina, una sostanza che, oltre alle già citate proprietà digestive, può indurre le contrazioni uterine. Molti assumono la papaya in forma fermentata, preparata con frutti maturi, ma ancora verdi: è in questo stadio di maturazione che la papaya sviluppa il massimo dei principi attivi e degli enzimi.La papaya fermentata si prepara con la polpa, i semi, la buccia e le foglie, per beneficiare contemporaneamente di tutti i principi attivi della pianta. Oltre alla papaya, vengono utilizzati per la preparazione di questo integratore anche il tè verde, il succo di limone fresco e un particolare lievito, la Kombucha.

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie