Ridurre l’accumulo di grassi con il tè Pu’er

Avete mai assaggiato il tè Pu’er o Pu erh? Mi sono appassionata a questo tè post fermentato dopo aver letto un libro sul tè, nel quale ho potuto approfondire le mie conoscenze sulle tipologie, le qualità, i sapori, le proprietà di questa bevanda millenaria. Per definirne il gusto, in Cina si usa un’espressione davvero poetica: “terra bagnata da pioggia recente”. In Europa è conosciuto come tè rosso (da non confondere con il Rooibos) per il suo colore scuro, davvero incantevole, ma in Oriente sono decantate molto le sue virtù salutistiche. Quella che sicuramente vi spingerà ad interessarvi ad esso è sicuramente la sua azione dimagrante, confermata da diversi studi condotti in Francia e in Giappone. La sua particolarità infatti questo tè regola il livello di zuccheri nel sangue, ed elimina le tossine che si trasformano in adipe, in più facilità la digestione. Inoltre ha virtù antinfiammatorie, e in particolare interviene sul metabolismo del fegato, per tanto aiuta il corpo ad assimilare meno grassi.

Bevendo con regolarità il tè Pu’er si aiuta il fegato a sintetizzare meglio i grassi introdotti con l’alimentazione, evitando che si accumulino nel corpo sotto forma di adipe. Inoltre questa bevanda, soprattutto se assunta tiepida o calda durante i pasti e al posto del caffè nella colazione del mattino, regolarizza le secrezioni gastriche e ripulisce anche l’intestino: in questo modo ci si alza da tavola con una sensazione di leggerezza e di sazietà che ci accompagnerà per molte ore dopo aver terminato di mangiare. Dato che il suo aroma è intenso e avvolgente (parola mia che ho avuto modo di apprezzarlo) questo tè va bevuto senza essere dolcificato: lo zucchero ne annulla le virtù depurative e snellenti.

Allora come utilizarlo al meglio? Sarebbe bene, per trarne tutti i benefici, berne 2 tazze al giorno (meglio se durante i pasti) per un periodo almeno di un mese. Siccome è un tè molto concnetrato, la bustina va fatta bollire per 1 solo minuto e può essere usata per due o tre volte. Ma questo favoloso tè, può essere usato anche come ingrediente in cucina, ad esempio se abbinato ai fiocchi d’avena si può fare una crema dolce, ottenedo così un dessert rassondante e bruciagrassi. Ecco come fare (ingredienti per 2 persone): scaldate un cucchiaio di olio di girasole in una pentola, quindi aggiungete una tazza di fiocchi di avena, mescolandoli per un minuto circa. INdi versare 2 tazze di tè Pu’er e una tazza d’acqua, unamanciata di uvetta e la buccia grattugiata di un limone non trattato e portate ad ebollizione. Quando bolle, abbassate la fiamma, mettete il coperchio e lasciate cuocere per 5 minuti. Versate in coppette e servite tiepido.

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie