Sacchetti intelligenti per la raccolta differenziata: il Ministro dell’Ambiente Galletti con Plastisac ad Ecomondo

Grande successo di pubblico per Plastisac srl ad Ecomondo, la fiera internazionale del Recupero di Materia ed Energia e dello Sviluppo Sostenibile di Rimini, durante la quale l’impresa mantovana ha siglato un prestigioso accordo di collaborazione con il Ministero dell’Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare per la riduzione della Carbon footprint dei sacchetti in plastica per la raccolta dei rifiuti.

L’accordo è stato rafforzato dalla visita presso lo stand Plastisac del Ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti che ha potuto apprezzare l’impegno dell’impresa mantovana nel processo di cambiamento verso modelli più sostenibili nel settore dei sacchetti in plastica per la raccolta dei rifiuti, che siano in grado di garantire altissime prestazioni, riducendo il più possibile il proprio impatto ambientale.

Presso lo stand sono stati promossi i sacchetti intelligenti per la raccolta differenziata prodotti dall’azienda mantovana leader a livello italiano nel settore dei sacchetti in plastica. Dotati di Tag RFID – la tecnologia di identificazione a RadioFrequenza – questi sacchetti permettono di misurare automaticamente i conferimenti di rifiuti che ogni utenza consegna al servizio di raccolta differenziata, rendendo il ritiro e la riscossione dei tributi più rapidi, semplici e precisi, nel pieno rispetto della privacy dei cittadini.

In questo modo Plastisac rafforza ulteriormente la propria politica ambientale, in linea con le politiche governative nell’ambito del Protocollo di Kyoto e del “Pacchetto Clima-Energia” dell’Unione Europea. Se da una parte l’accordo permette di promuovere la riduzione delle emissioni e la diffusione di modelli sostenibili replicabili nel settore, dall’altra, i sacchetti Plastisac permettono di migliorare la qualità e quantità della raccolta differenziata e una modalità di calcolo della tariffa d’igiene ambientale più equa, che possa premiare chi più si impegna nella raccolta differenziata.

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie