Saper congelare i cibi fa risparmiare tempo e sprechi

Anche quella del congelamento degli alimenti o delle preparazioni è un’arte. Se ben fatta, consente di rsparmiare tempo, evita sprechi, e vi fa risparmiare. Ma è necessario farla in modo corretto.

Se si possiede un congelatore, gli alimenti possiamo congelarli noi stessi. Va detto innanzitutto che per congelare bene e senza rischio alcuno la regola fondamentale è preparare correttamente gli alimenti, riposrli in contenitori adatti e rispettare alcune regole di igiene.

Un congelamento corretto permette di conservare i sapori e la composizione degli alimenti, così come il loro tenore nutritivo. Si possono congelare quasi tutti gli alimenti: frutta, verdura, erbe aromatiche, carne, pesce, formaggi a pasta dura, pane, dolciumi e piatti fatti in casa, pasta cruda, pane… Tuttavia, vi sono alcuni alimenti o alcune preparazioni che non sopportano il congelamento, tra questi: la maionese, gli alimenti fritti, i formaggi freschi o a pasta molle, le creme pasticciere, la frutta e le verdure molto ricce di acqua (come il melone, i pomodori, la lattuga…). Perchè?

Il congelamento ne altererebbe la struttura. E’ sempre bene non congelare i piatti pronti che si trovano in commercio e di cui non si sa se la composizione include prodotti scongelati, e questa regola vale anche per quegli alimenti freschi la cui catena del freddo è stata interrotta, come la carne fresca rimasta a temperatura ambiente. Naturalmente, gli alimenti decongelati che nel frattempo non sono stati cucinati non vanno ricongelati. ATTENZIONE: il processo di congelamento non uccide i germi, i batteri e i lieviti, li inattiva soltanto fin quando il prodotto resta congelato; ma una volta iniziato lo scongelamento, questi riprendono la loro attività.

Tenete presente questa regola di base: congelate frutta e verdura matura e non danneggiata. Evitate di congelare alimenti al limite del commestibile poichè il processo di congelamento dura 24 ore, per cui i batteri avrebbero il tempo di svilupparsi.

E ora veniamo alle regole da seguire:
-Fate scorrere un filo d’acqua sulla frutta e sulla verdura che volete congelare ma non lasciatela a bagno, quindi asciugatela con carta assorbente o con uno strofinaccio perfettamente pulito.
-Completata questa prima fase potete tagliarla in pezzi per guadagnare tempo al momento dello scongelamento.
-Prima del congelamento vi sono alcune verdure che devono essere scottate in acqua bollente per un tempo che può durare pochi secondi fino a un massimo di 5 minuti come ad esempio gli asparagi, le barbabietole, le carote, le zucchine, le albicocche, gli spinaci, i piselli. Dopo averla scottata, la verdura va fatta raffreddare sotto l’acqua fredda e asciugata.
-Ecco un piccolo trucco: prima di congelare gli alimenti, fateli rinfrescare in frigo, questo faciliterà il congelamento e lo renderà più sicuro.
-Indipendentemente dall’alimento, utilizzate sacchetti per il congelamento o recipienti preposti a questo scopo, oppure usate la pellicola alimentare o la carta stagnola. ATTENZIONE: le confezioni del macellaio, del pescivendolo, le vaschette in polistirolo e il cartone non devono essere utilizzate per il congelamento.
-Prima di chiudere ermeticamente i sacchetti, fai uscire l’aria.
-Infine, per scongiurare ulteriori rischi, è necessario rispettare severe regole d’igiene: mani e piano di lavoro devono essere puliti. E poi il contenitore deve essere perfettamente pulito. Tutti gesti atti a evitare lo sviluppo di batteri.
-Quando procedete al congelamento, non ammucchiate gli alimenti e lasciate un po’ di spazio tra i vari pacchetti. Questo consente all’aria di circolare e il congelamento avverrà in modo corretto
-Cercate sempre di congelare piccole quantità di cibo, così il processo di congelamento sarà più breve e i rischi meno elevati.
-Non congelare molti alimenti diversi in una volta sola, anche se sono in piccole porzioni. Gli alimenti a temperatura ambiente messi al congelatore aumentano la temperatura del congelatore che in questo modo impiega più tempo a procedere con il congelamento
-Tenete ben presente che solamente un congelatore a 4 stelle (cioè in grado di conservare i prodotti a meno di 18 gradi e munito della funzione di congelamento) consente di congelare gli alimenti. Perciò si deve far riferimento alle istruzioni del proprio apparecchio.

Tabella di conservazione degli alimenti in un congelatore 4 stelle (congelamento a casa)

Formaggio: 2 mesi

Verdure: 8-10 mesi

Frutta: 10-12 mesi

Manzo: 10-12 mesi

Pesce grasso: 1 mese

Pesce magro: 3 mesi

Maiale: 4-6 mesi

Vitello: 8-10 mesi

Pollame: 6-8 mesi

Selvaggina: 6-8 mesi

Pane, dolciumi: 1-3 mesi

Piatti cucinati: 3 mesi

Prendete l’abitudine di mettere delle etichette sui sacchetti degli alimenti congelati, precisando la data di congelamento, e disponete in fondo i prodotti congelati per ultimi, in modo da non dimenticare di consumare gli alimenti congelati prima della data limite di conservazione! In un congelatore 4 stelle, la maggior parte degli alimenti congelati si conserva da 3 a 12 mesi.

Ricordate poi che lo scongelamento degli alimenti non deve mai avvenire a temperatura ambiente ma in frigo, al microonde con la funzione defrost o tramite cottura (per esempio puoi mettere gli hamburger surgelati direttamente in padella). ATTENZIONE: gli alimenti scongelati devono essere consumati nel giro di 24 ore, perciò è sempre meglio congelare piccole porzioni!

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie