Scoperto il gene anti-ictus, difende soprattutto giovani

Scoperto un gene con azione protettiva contro l’ictus, in particolare quello che colpisce i giovani e gli adulti di mezza età. Il gene chiamato PHACTR1, protegge le arterie che ossigenano il cervello da un danno a carico dell’arteria cervicale, un vaso che trasporta l’ossigeno al cervello. La ricerca, coordinata da esperti della Royal Holloway University of London, ha coinvolto anche alcuni centri italiani tra cui l’Istituto neurologico Carlo Besta di Milano, l’ospedale San Gerardo di Milano, l’Università di Perugia – ospedale Santa Maria della Misericordia e l’Università di Brescia. Lo studio è stato pubblicato su Nature Genetics.

L’ictus è un evento che non risparmia i giovani: su cento persone colpite da ictus ischemico, dieci hanno meno di 45 anni. Per questa fascia di età circa un caso su quattro di ictus è da addebitarsi a un danno alle arterie che ossigenano il cervello, le cervicali. In pratica le pareti di questi vasi si ”sfaldano” e ciò può portare a ematomi fino alla chiusura del vaso e quindi all’ictus.

Gli esperti hanno svolto un’analisi del Dna confrontando il Dna di 1400 pazienti reduci da questo danno vascolare con quelli di 14.400 soggetti sani di controllo, gli esperti hanno scoperto che una particolare versione di questo gene difende da tale danno dell’arteria, tecnicamente detto ‘dissezione’, che è poi una delle principali cause di ictus giovanile. La scoperta è importante in quanto il gene – già collegato ad altri problemi tra cui l’emicrania – potrebbe divenire un bersaglio preferenziale di terapie preventive.

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie