SEAS, il software gratuito per la diagnosi energetica degli edifici

La diagnosi energetica degli edifici si potrà realizzare presto con l’ausilio di un software professionale, completamente gratuito, nato dalla collaborazione tra il dipartimento di Ingegneria dell’energia, dei sistemi, del territorio e delle costruzioni dell’Università di Pisa e l’ENEA. SEAS, questo il nome dell’applicativo, è frutto del lavoro svolto nell’ambito dell’Accordo di Programma tra Ministero dello Sviluppo Economico (MiSE) ed ENEA per la Ricerca di Sistema Elettrico Nazionale.

SEAS è un software con interfaccia grafica flessibile e user-friendly, per eseguire audit energetici degli edifici. Sarà destinato all’analisi di edilizia residenziale, uffici, scuole e degenze ospedaliere, svolgendo il calcolo dei fabbisogni dei vettori energetici per i servizi di riscaldamento (esclusi gli impianti a tutt’aria), la produzione di acqua calda sanitaria, l’illuminazione e così via. I sistemi che utilizzano fonti rinnovabili implementati sono gli impianti solari termici, gli impianti fotovoltaici, le pompe di calore, i generatori a biomassa. Un’ulteriore routine permette di svolgere l’analisi costi-benefici dei possibili interventi di retrofit energetico proposti dall’auditor.

La procedura di calcolo per la diagnosi energetica degli edifici eseguita da SEAS è aggiornata alle più recenti normative tecniche del settore, con integrazioni e correzioni necessarie per adattare nel migliore dei modi i risultati alla reale gestione dei locali effettuata dall’utenza.

L’interfaccia grafica consente un’intuitiva conduzione della simulazione da parte dell’auditor. La flessibilità nelle possibilità di inserimento dei dati e soprattutto la disponibilità dell’opzione di suddivisione dell’edificio in zone funzionali, ciascuna con le sue caratteristiche tecniche e di utilizzo, permette di simulare praticamente qualsiasi configurazione di sistema edificio-impianto.

“Le caratteristiche del software – ha detto Walter Grassi, professore ordinario di Fisica tecnica industriale e coordinatore del progetto di ricerca per l’Università di Pisa – lo rendono uno strumento idoneo a rispondere alle richieste provenienti dalle direttive dell’Unione Europea e a una domanda di mercato per l’efficienza energetica in continua crescita, in modo particolare per il segmento dell’efficienza energetica nella pubblica amministrazione.

L’ENEA sta mettendo SEAS a disposizione di tutti gli operatori pubblici e privati che operano nel settore. Il team che ha realizzato il software suddetto è costituito dagli ingegneri Daniele Testi, vice coordinatore del progetto (in attesa di prendere servizio come professore associato), Paolo Conti, Davide Della Vista, Elena Menchetti (Energy Manager dell’Università di Pisa) e Eva Schito. Lo stesso gruppo, cui si è aggiunto l’ingegner F. Leccese, ha recentemente redatto un ebook sulle nuove norme UNI TS 11300:2014, pubblicato dall’Editore Maggioli

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie