Ocean Spirals, la prima città sottomarina

La “Obayashi Corporation”, una delle più grandi imprese di costruzioni giapponese, ha annunciato il progetto di costruire un ascensore nello spazio lungo 96 mila chilometri. Ma negli ultimi giorni un’altra azienda giapponese, la “Shimizu Corporation”, è entrata in gara per il progetto più stravagante che mai, con l’intenzione di costruire una città sottomarina.

Si chiamerà “Ocean Spirals” e necessiterà 5 anni per essere completata, per un costo di circa 21 milioni di euro. Secondo i piani, la spirale diventerà la casa dolce casa per almeno 5.000 persone. I disegni e i dettagli dell’ambizioso progetto sono stati presentati a Tokyo questa settimana. La città subacquea sarà incoronata da una cupola sferica che galleggerà sulla superficie del mare, ritirandosi sott’acqua durante le tempeste. La cupola verrà adibita ad usi commerciali, per uffici, hotel e appartamenti. Il corpo sarà invece formato da una struttura a forma di cavatappi che andrà dalla cupola al fondo marino. Qui, nelle profondità dell’oceano, avverrà l’estrazione di minerali e la produzione di metano per alimentare la città interamente eco-friendly.

Christian Dimmer, un ricercatore dell’università di Tokyo, consiglia una buona dose di cautela nel consegnare il nostro futuro ad aziende ambiziose come la “Shimizu Corporation”: “non dimentichiamoci di pensare a un futuro urbano aperto e democratico, dove i cittadini non saranno solo passeggeri di visioni sigillate ed utopiche”…

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie