Tutti i colori dell’Universo

Tanto tempo fa lessi in un vecchio e antico libro che il cielo notturno era stato fatto da un gigantesco manto di velluto nero cui erano stati praticati dei piccoli fori che lasciavano passare la luce del giorno e queste erano le stelle. Ma quali sono in realtà i colori dell’universo se potessimo osservarli tutti da vicino?

Essi vanno dal blu al rosso, e considerando che la gran parte delle stelle, Sole incluso, si è formata intorno a 5 miliardi di anni fa, di sicuro questi astri apparivano più luminosi e brillavano nella lunghezza d’onda del blu. Anche le stelle invecchiano, e con l’invecchiamento, la luce degli ammassi stellari si sposta dal blu al giallo, fino al rosso, un po’ come la nostra pelle. Dall’analisi della luce emessa dal secondo più vasto campione di galassie mai studiato si è giunti alla tonalità media che l’occhio umano percepirebbe, osservandole tutte in una volta. Vediamo quale:

Colazione cosmica: o “Cosmic Latte” questa è la definizione data dagli astronomi (ma anche Cappuccino Cosmico o Skyvory, in onore della sua tonalità color avorio). Così ci apprirebbe questo colore se osservassimo l’immenso campione galattico in una sola volta e ad occhio nudo. Ma se invece ne scomponessimo i colori con un prisma otterremmo questo:

Colori scomposti: in un grafico dell’energia emessa nell’Universo per le diverse lunghezze d’onda, avremmo la luce ultravioletta e blu sulla sinistra, quella rossa sulla destra. Come si può notare, ci si sta spostando gradualmente dal blu al rosso. Sembra che il Cosmic latte sia destinato a diventare sempre più simile a un gelato alla fragola.

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie