Allenarsi al freddo aiuta a dimagrire

Avere la costanza di correre, andare in bici o praticare sport invernali sulla neve permette di bruciare molte più calorie di quanto crediamo di bruciarne sudando in estate. Naturalmente non dobbiamo andare in Siberia. Il meccanismo è semplice: stare all’aerto quando le temperature sono appunto basse, induce il nostro corpo a bruciare più calorie semplicemente per mantenere una corretta termoregolazione.

Si è arrivati a questa conclusione partendo dal fatto che stare comodi al caldo in casa o in un ufficio ben riscladato fa aumentare il rischio di ingrassare come dimostrato da uno studio olandese. I ricercatori del Maastricht University Medical Center sono partiti proprio da qui, per valutare il consumo calorico di un corpo a diverse temperature ambientali e si sono accorti che, quando tremiamo dal freddo, spendiamo il quintuplo dell’energia che invece impiega il nostro metabolismo quando ce ne stiamo spaparanzati sul divano al calduccio.

Quando ci esponiamo alle basse temperature il nostro metabolismo si attiva bruciando calorie per favorire la termoregolazione. Già uno studio giapponese aveva evidenziato una perdita di peso in alcune persone che erano state indotte a passare 2 ore al giorno per 6 settimane alla temperatura di 17°. I ricercatori olandesi ha inoltre dimostrato che passare 6 ore al giorno per 10 giorni in un ambiente a 15° aumenta il tessuto adiposo bruno, che a sua volta migliora la capacità di sentirsi a proprio agio a quelle temperature.

In conclusione secondo il team olandese abituare il nostro fisico a stare a basse temperature, anche praticando sport all’aperto nella stagione invernale, aiuterebbe il nostro metabolismo a bruciare più calorie e in definitiva a dimagrire. E’ ovvio naturalmente che non sideve uscire al freddo in pantaloncini corti e maglietta a mezze maniche pensando così di di bruciare ancora più calorie: in questo modo aumentiamo il rischio di un malanno.

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie