Dal Giappone i trattamenti agli estratti di ciliegio per il benessere

E’ dal Giappone che arriva una tradizione di usare gli estratti di ciliegio per migliorare il benessere e splendere in bellezza. Tutto deriva da una ricorrenza dell’impero del Sol Levante che si chiama “hanami” ovvero “guardare i fiori”, in Giappone infatti il ciliegio è simbolo di un nuovo inizio. Vediamo quali sono i trattamenti da fare, meglio se da Aprile in poi, periodo in cui il ciliegio fiorisce. Vi chiederete perchè ne parlo adesso: semplice, meglio preparsi in anticipo visto che il tempo scorre via veloce e poi ci si lamenta della prova bikini.

Tè verde al ciliegio aiuta a bruciare i grassi
Per tutto un mese bevete due tazze di tè verde sencha alla ciliegia (in erboristeria), se possibile arricchito da fiori di ciliegio: è un ottimo brucia grassi. Una regolare assunzione di catechine (di cui è ricco il tè verde), abbinate alle vitamine dei fiori, riattiva i meccanismi fisiologici di smaltimento dell’adipe, soprattutto su cosce e punto vita.

Contro la ritenzione il decotto di peduncoli di ciliegio
Ristagni localizzati e ritenzione possono essere efficacemente combattuti grazie al decotto di peduncoli del frutto del ciliegio. Grazie ai loro principi attivi (potassio, flavonoidi, tannini, vitamine A e C, polifenoli) stimolano l’eliminazione dei liquidi dai tessuti e tonificano i capillari. Alla sera mettete a macerare una manciata di peduncoli in un litro di acqua fredda e al mattino preparate il decotto facendo bollire il tutto per 10 minuti e tenendolo in infusione per 30 minuti. Bevetene mezzo litro al giorno, 2 volte alla settimana.

Riattivare il circolo: ciliegie a digiuno
Le ciliegie si trovano a maggio-giugno, ma le prime saranno in vendita già a metà aprile (ovviamente date un occhio al prezzo, e consumate quelle locali). Se mangiate circa una etto di ciliegie al giorno a digiuno otterrete un effetto diuretico e leggermente lassativo e, nel contempo, grazie alla presenza di acidi organici, vitamina C e oligoelementi, rinforzano le pareti dei capillari “sfiancati” dalla cellulite.

Bagno sgonfiante
Durante il periodo in cui farete i trattamenti precedentemente descritti, associate 3-4 volte la settimana fate un bagno sgonfiante e rimodellante a base di Yunohana, un concentrato cristallino di ferro, zinco, oro, manganese, calcio, rame e fluoro. La Yunohana è una polvere, ottenuta dai vapori delle sorgenti calde di Beppu, sulla costa di Kyushu, in Giappone. E’ ottima perchè incrementa la circolazione, favorisce il riassorbimento dei ristagni e l’eliminazione dei liquidi anche mediante la traspirazione; inoltre migliora la funzionalità degli organi interni. Con un’azione snellente visibile fin dai primi trattamenti.

Scrub riattivante
Nel rituale del bagno giapponese ci sono due fasi: un’energica “strofinata” del corpo e un’immersione prolungata e rilassante in acqua calda con l’aggiunta di Yunohana.

Primo step:
Si inizia strofinando la pelle umida con un piccolo sacchetto di cotone riempito con farina di riso, polvere di azuki e un pizzico di alghe, per eliminare ogni impurità dalla pelle e stimolare la circolazione, favorendo così l’azione del bagno.

Secondo step:
Aggiungete all’acqua calda della vasca una dose di Yunohana e rimanete immerse per circa 20 minuti strofinando il corpo, con un guanto o una spazzola esfoliante. Eliminando le cellule morte dagli strati superficiali, in questo modo migliorerà l’ossigenazione e andrete a prevenire la formazione di depositi di liquidi e adipe, con un’azione riducente sulla silhouette.

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie