E se mangiare un dessert come antipasto facesse dimagrire?

Un team di ricercatori dell’Imperial College di Londra ha scoperto che una proteina del cervello, la glucochinasi tiene traccia del glucosio presnete nel nostro organismo, inducendoci ad assumere cibi zuccherati qualora i livelli di glucosio registrati siano troppo bassi. Secondo i ricercatori dunque, iniziare il pasto con un dessert potrebbe aiutare a mentenere sotto controllo l’appetito. Lo studio è stato pubblicato sul Journal of Clinical Investigation, potrebbe portare non solo allo sviluppo di nuovi farmaci contro l’obesità (che permettano di inibire l’azione della glucochinasi) ma anche alla formulazione di nuovi e inusuali consigli per perdere peso in modo naturale.

“Assumere alimenti ricchi di glucosio all’inizio del pasto” spiega il dottor Gardiner, uno degli autori dello studio “potrebbe indurre il cervello a registrare di aver assorbito un quantitativo di glucosio sufficiente per l’organismo, e inibire così la stimolo di mangiare. Assumere alimenti zuccherati durante tutto il pasto invece richiede maggior tempo per raggiungere i livelli di glucosio necessari all’organismo, e aumenta la probabilità di eccedere con il cibo”.

Bisogna però ricordare che gli alimenti amidacei come pane, pasta, riso e patate sono cibi altrettanto ricchi di glucosio, nonché molto più sani dei dolci: non c’è quindi da stupirsi se, ancora una volta, la dieta italiana (caratterizzata da una prima portata a base di pasta o risotto) sia indicata dallo studio come un esempio vincente.

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie