Greenpeace 2014, le immagini più belle delle azioni non violente dell’anno

Greenpeace ha diffuso le immagini più belle delle azioni non violente dell’anno che si sta chiudendo. C’è la Statua della libertà che finisce sott’acqua per l’innalzarsi del livello dei mari a causa dei cambiamenti climatici. Ci sono le spettacolari azioni della Rainbow Warrior – che quest’anno è stata anche in Italia – contro le trivellazioni petrolifere. O ancora il mega striscione esposto nella Galleria Vittorio Emanuele II di Milano per chiedere all’Alta moda di eliminare le sostanze chimiche pericolose. E ancora le iniziative per difendere l’Artico e combattere il legno illegale che arriva dall’Amazzonia.

Dai pescatori senegalesi che mostrano uno striscione con scritto “La pesca eccessiva ci danneggia” a quelli delle Filippine, dall’iniziativa in strada in Australia a quella nel mare del parco della Maremma, in Italia.

Le iniziative per difendere l’Artico e combattere il legno illegale che arriva dall’Amazzonia e molto altro ancora. “Il 2014 – si legge in una nota – e’ stato un anno denso di iniziative e di vittorie per Greenpeace, con milioni di persone mobilitate per difendere l’ambiente. Sono tre milioni i sostenitori nel mondo e oltre sei milioni e mezzo le persone che hanno firmato la petizione per salvare l’Artico (www.savethearctic.org)”

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie