Happy Ageing, invecchiare in salute

Tutti noi ci auspichiamo di invecchiare in salute, ma il tempo, che scorre inesorabile per tutti segna in maniera indelebile il nostro corpo e la nostra salute, rendendoci via via più cagionevoli e più esposti alle malattie. Esiste però un nuovo progetto, Happy Ageing grazie al quale le prospettive di una vecchiaia in salute potrebbero davvero concretizzarsi.
E’ stato il professor Michele COnversano, past president della Società Italiana di Igiene a promuovere fortemente questa iniziativa con uno scopo ben preciso: prolungare e migliorare la vita in salute degli over 65 che, in base alle prospettive, in Italia saranno più di un terzo della popolazione nel 2040. Il legame fra invecchiamento e salute è molto stretto, ecco perchè il progetto punta a fornire alle persone di mezza età e algi anziani gli strumenti giusti per invecchiare in maniera attiva e aumentare così l’aspettativa di vita.

Se si forniscono i mezzi per invecchiare nel modo corretto avremo sì più persone anziane, ma più in salute. Nel progetto mette inevidenza non solo l’importanza dell’assistenza sanitaria per gli anziani ma anche un cambiamento radicale nel modo di intendere le relazioni sociali, oltre che a una rivisitazione completa di quella che oggi è la vita quotidiana di una persona non più giovane quindi un cambiamento che vada dai trasporti alla sicurezza, dall’alimentazione alle comunicazioni.

Al progetto Happy Ageing hanno risposto favorevolmente società scientifiche (Società Italiana di Igiene – SItI; Società Italiana di Geriatria e Gerontologia – SIGG; Società Italiana di Medicina Fisica e Riabilitativa – SIMFER), organizzazioni di rappresentanti dei cittadini (Federazione Anziani e Pensionati ACLI; Sindacato Pensionati Italiani CGIL; Cittadinanzattiva e Tribunale dei diritti del malato), rappresentanti e organismi istituzionali (Federsanità ANCI, deputati e senatori): tutti uniti con il preciso scopo di invecchiare in salute perché, come sottolineato dallo stesso professor Conversano, il tema degli anziani non può essere considerato solo un problema di natura sanitaria, questo cambiamento demografico produce trasformazioni di natura economica, culturale e sociale.

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie