La fabbrica giapponese che sta rivoluzionando l’agricoltura

Gli esseri umani hanno fatto incredibili progressi incredibili nella coltivazione dalla prima rivoluzione agricola che risale a circa 10.000 anni fa, ma i prodotti freschi sono ancora in balia degli elementi meteorologici estremi imprevedibili come tempeste, inondazioni o siccità. Un fisiologo vegetale giapponese Shigeharu Shimamura sta però aggirando il problema con la sua alta tecnologia di coltivazione al coperto.

Utilizzando la tecnologia idroponica, aziende agricole facenti parte della società Mirai usano le luci a LED per coltivare ortaggi verdi ricchi di vitamine in maniera tre volte più veloce della coltivazione all’aperto. E grazie alla alta efficienza di questa nuova metodologia, controllando la temperatura, l’umidità e l’irrigazione si riduce significativamente l’uso di acqua, solo l’1% .

Ora la tecnologia idroponica funziona in 12 sedi in tutto il Giappone, e Mirai ha anche aperto una filiale in Corea, ed è in espansione in Cina, Stati Uniti, Sud-Est asiatico e nel Medio Oriente. E se ciò non vi convincesse sappiate che la tecnologia idroponica viene utilizzata nella base antartica giapponese.
Come gli Sky Greens a Singapore, questa nuova metodologia è un altro esempio di iniziative alimentari che si contrappone alla coltivazione tradizionale, e ci avvicina a una realtà in cui cibo fresco e sano è facilmente accessibile alle persone di tutto il mondo.

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie