Plancton, si studia il suo ologramma per studiare l’assorbimento di CO2

BioForU è un progetto che ha lo scopo di analizzare, facendo a meno del microscopio e quindi in tre dimensioni, le particelle di plancton per capire se sono in grado di assimilare la CO2 dell’atmosfera oltre a quella presente in mare. In pratica lo studio di un ologramma del plancton.

Uno studio italiano che ha coinvolge diversi centri: l’Università del Salento a Lecce, per quanto riguarda la bioecologia sperimentale, il CNR di Bari per lo studio della biodiversità molecolare, lo IAMC-CNR di Capo Granitola, in Sicilia, per l’osservatorio biodiversità marina, il CNR di Napoli per il bioimaging avanzato e la Stazione Zoologica Anton Dohrn per lo studio degli organismi marini e le conseguenti applicazioni. Queste cinque strutture costituiscono una grande piattaforma multidisciplinare che utilizza laboratori potenziati per la ricerca avanzata.

Grazie alla risoluzione tridimensionale degli ologrammi i ricercatori saranno in grado di vedere particelle delle dimensioni del micron e di studiare i rapporti spaziali tra le cellule, la loro distribuzione nella colonna d’acqua, la loro capacità di crescita e come assorbono i nutrienti. Il punto focale della ricerca è la valutazione della capacità da parte di questi microrganismi di assorbire carbonio: una “risorsa” che potrebbe essere decisiva per l’assorbimento della CO2 atmosferica.

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie