Rughe? Tutta colpa di un enzima

Pensate ad una pelle libera da rughe, liscia e compatta, è il sogno universale, che oggi cerchiamo di realizzare sia con cosmetici mirati che con la chirurgia estetica. Ma se fosse possibile fare ancora di più? Ebbene un team di ricercatori della University of British Columbia ha scoperto il segreto di una pelle libera dalle rughe, abbattendo il muro che ci separava dalla strada verso lo sviluppo di creme e trattamenti contro l’invecchiamento. In un esperimento durato 20 settimane e condotto sui topi, gli studiosi hanno scoperto che questi ultimi se privati dell’enzima Granzyme-B invecchiavano significativamente di meno rispetto ai topi che avevano l’enzima.

Non solo, i topi senza Granzyme-B avevano la pelle visibilmente piu’ liscia e il collagene piu’ intatto. La scoperta, pubblicata sulla rivista Aging Cell, e’ avvenuta per caso, mentre i ricercatori erano concnetrati sul ruolo di Granzyme-B nell’aterosclerosi e nell’infarto. E’ stato proprio durante l’esperimento che i ricercatori si sono accorti della diversa qualita’ delle pelle dei topi. David Granville, autore dello studio ha detto: “Eravamo interessati all’invecchiamento dei vasi sanguigni”. Non avevamo idea che l’assenza di questo enzima avrebbe avuto effetto sulla loro pelle”.

Per arrivare a questi risultati i ricercatori hanno realizzato un lettino abbronzante sperimentale per simulare l’esposizione al sole sui topi. Ogni topo e’ stato messo in una specie di “giostrina” sotto lampade UV, esponendolo per tre o quattro minuti, tre volte alla settimana, abbastanza per causare arrossamento. Dopo 20 settimane di esposizione ripetuta, e’ stato possibile osservare che la pelle dei topi privi di Granzima B era invecchiata molto meno e il loro collagene era più integro rispetto ai gruppi di controllo dei topi. Ora i ricercatori stanno lavorando allo sviluppo di farmaci in grado di bloccare Granzyme-B nella speranza di lanciarli molto presto sul mercato. “Abbiamo generato inibitori naturali e sintetici di questo enzima”, ha detto Granville.

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie