Artimino, il ristorante si fa green: al “Biagio Pignatta” debutta il maxi-orto delle verdure a chilometri zero

Nell’evoluzione della cucina attraverso gli anni, periodicamente siamo tornati alle nostre origini, agli insegnamenti dei nostri nonni e spesso ancor piu lontano nel tempo… Le rivoluzioni in cucina hanno portato grandi miglioramenti e risultati sorprendenti nelle tecniche di conservazione e cottura degli alimenti, ma torniamo sempre  alla riscoperta del gusto e del cibo genuino. Da sempre la cucina a chilometri zero è sinonimo di garanzia sulla genuinità e sulla salubrità delle materie prime che arrivano sulla tavola. Una tendenza, questa, che diversi ristoranti in tutta Italia hanno sposato per offrire ai clienti una garanzia supplementare sul “mangier sano”, mettendo così in menù piatti preparati con prodotti del proprio orto.

“Biagio Pignatta”, il ristorante di punta del complesso mediceo di Artimino – che ospita la villa “La Ferdinanda”, patrimonio mondiale dell’Umanità – ha sposato la filosofia green, allestendo un orto dove trovano posto zucchine, pomodori, carote, patate e molte altre verdure, secondo la stagionalità. Per la chef Michela Bottasso e la sua brigata di cucina adesso è sufficiente percorrere pochi passi nella tenuta di Artimino per scegliere le verdure e gli aromi da portare in cucina.

Se in molti casi la scelta dell’orto risponde a una sincera attenzione al mondo green, talvolta allestire un orto è diventata un’operazione di facciata, di puro marketing, soprattutto quando le dimensioni dell’orto non sono “compatibili” con le quantità poi effettivamente servite al ristorante. Un’incongruenza che può sfuggire ai più ma che appassionati gourmet e professionisti del settore notano immediatamente: ecco perché il “Biagio Pignatta” ha deciso di puntare seriamente su questo progetto, destinando alla coltivazione di verdure ben 5000 metri quadri di terreno, del tutto sufficiente a soddisfare il fabbisogno dei clienti.

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie