Bere regolarmente birra può rallentare la demenza

Un recente studio della Lanzhou University in Cina ha scoperto che un ingrediente del luppolo può interferire positivamente sulla progressione di malattie degenerative come Alzheimer e Parkinson. Grazie ad esperimenti condotti in laboratorio e i cui risultati sono stati pubblicati sul Journal of Agricultural and Food Chemistry, la sostanza chimica xanthohumol o Xn potrebbe aiutare a proteggere le cellule cerebrali dai danni ossidativi associati alla demenza.

“La presenza di un’elevata concentrazione di Xn nella birra potrebbe essere collegata all’osservazione epidemiologica dell’effetto benefico del consumo regolare di birra”, ha detto Jianguo Fang, autore dello studio. Ed ha aggiunto: “Xn ha suscitato un notevole interesse per le sue molteplici funzioni farmacologiche, tra cui quella anti-ossidante, di protezione cardiovascolare, antitumorale, antivirus, anti-obesita’ e anti-infiammatorio”.

I ricercatori hanno isolato molecole di Xn, testate su cellule cerebrali di topo in una serie di esperimenti di laboratorio. Dai risultati e’ emerso che Xn ha ridotto il livello di stress ossidativo sulle cellule, un processo dannoso strettamente legato a malattie degenerative. IL team dei ricercatori: “Visto che le cellule neuronali sono particolarmente vulnerabili allo stress ossidativo, e hanno un rifornimento limitato durante l’intero ciclo di vita, sono sempre di piu’ le evidenze che sostengono che lo stress ossidativo e’ una delle cause patogene delle patologie neurodegenerative come il morbo di Alzheimer e il morbo di Parkinson”. Fermare il processo ossidativo “potrebbe bloccare o ritardare efficacemente il processo di tali malattie”, hanno scritto.

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie