Clima: Febbraio, torna il freddo neve e gelo su tutte le regioni italiane

Torna il freddo, neve e gelo da febbraio su tutte le regioni italiane anche in pianura. La previsione di un febbraio nevoso salva le settimane bianche degli italiani ma scongiura anche il rischio siccità dopo un 2014 che si è classificato in Italia come l’anno più caldo della storia, da quando esistono i rilevamenti climatici nel 1880. E’ quanto afferma la Coldiretti nel sottolineare che la neve è importante per ripristinare le scorte nelle falde acquifere e nei bacini lacustri e laghi alpini.

Si comincia gradualmente domenica con le piogge che interesseranno le regioni adriatiche e il Sud Italia. Nelle regioni meridionali prima le coste settentrionali della Sicilia e parte della Calabria e poi anche tutte le zone ioniche. La neve scenderà a quote più basse fino a comparire sopra i 300/500 metri al Centro e dai 900 metri al Sud.

Le temperature si faranno via via più rigide per l’ingresso di venti settentrionali che causeranno un forte abbassamento delle temperature notturne. A fine mese quando un massiccio blocco di aria artica affonderà nel cuore dell’Europa e quindi in Italia, sconvolgendo la situazione meteorologica nelle nostre regioni.

Anche nella prima decade dell’anno infatti le temperature medie sono state complessivamente superiori alla norma dopo che, secondo una analisi Coldiretti su dati Isac Cnr, nell’anno appena trascorso – sottolinea la Coldiretti – si è registrata una temperatura superiore di 1,45 gradi rispetto alla media per l’effetto combinato di un’estate fresca  molto fresca e del caldo anomalo soprattutto in autunno ed in inverno. Il clima ha già avuto nel 2014 pesanti effetti sui raccolti Made in Italy che hanno registrato tagli che vanno dal 35 per cento dell’ olio di oliva italiano al 15 per cento per il vino fino al 50 per cento per il miele, mentre il raccolto di castagne è stato da minimo storico.

Siamo di fronte – conclude la Coldiretti – ai drammatici effetti dei cambiamenti climatici che si manifestano con una tendenza al surriscaldamento che si è accentuata negli ultima anni ma anche con il moltiplicarsi di eventi estremi, sfasamenti stagionali e precipitazioni brevi ed anche l’aumento dell’incidenza di infezioni fungine e dello sviluppo di insetti che colpiscono l’agricoltura.

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie