Come scegliere gli zuccheri buoni per i bambini

Spetta ai genitori abituare in maniera giusta i bambini ai sapori zuccherini per una giusta e corretta alimentazione. I bambini amano i sapori dolci e lo zucchero bianco (saccarosio) resta il dolcificante più diffuso, ma il troppo zucchero non fa bene come si può sostituire? Vietati i dolcificanti artificiali, che hanno un elevato potere dolcificante, fino a 500 volte più dello zucchero ed è bene che i più piccoli non ne abusino. Innanzitutto procediamo con la logica del buon senso, quindi meglio abituare i bambini a non zuccherare troppo il latte del mattino e a consumare bibite zuccherine solo in occasioni speciali. E poi, se proprio amano il sapore dolce, meglio optare per le alternative naturali. Ecco quali.

In molte bevande per bambini è spesso frequente trovare il fruttosio, che ha le stesse calorie dello zucchero (circa 4 per grammo). Ma si può optare per il miele, succo di frutta concentrato, melassa, zucchero d’uva, succo di mele concentrato, sciroppo d’acero, sciroppo di riso. Di recente immissione in commercio sono i cosiddetti glicosidi steviolici, dolcificanti estratti dalle foglie della stevia. Hanno un’origine naturale e presentano un elevato potere dolcificante, e sono assolutamente sicuri. Polvere di stevia, succo d’agave, sciroppo d’acero e malti di cereali possono essere usati anche per la preparazione dei dolci casalinghi: grazie al loro deciso potere dolcificante aiutano a ridurre a meno della metà le dosi di zucchero.

Fate però attenzione ai dolcificanti naturali come il sorbitolo, il mannitolo, il smaltitolo e lo xilitolo che si nei confetti, gomme e caramelle. Hanno un potere dolcificante elevato e contengono 2 kcal al grammo. Dato che però non vengono assorbiti dall’intestino, a dosi elevate causano crampi e diarrea.

Altra buona abitudine è quella di cambiare spesso il dolcificante, cercando di partire con dosi ridotte, che non “coprano” il sapore degli alimenti: alla stevia, che è molto dolce, si può alternare un cucchiaino di succo d’agave, uno scrigno di oligoelementi importanti per la crescita, lo sciroppo d’acero, che è disintossicante, o il malto di cereali (riso, orzo), ottimo ricostituente. Valide opzioni restano il miele e lo zucchero di canna scuro, ricchi di vitamine e minerali.

Infine fate molta attenzione alle etichette, perchè i dolcificanti devono essere segnalati sulle etichette, ma spesso al posto del nome c’è solo la sigla. Ecco le principali: E950 (Acesulfame K), E951 (Aspartame), E954 (Saccarina), E420 (Sorbitolo), E421 (Mannitolo), E967 (Xilitolo).

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie