Dalle galline un esempio di amore e rispetto

Spesso usiamo gli animali come termine di paragone di alcune personalità umane, facendo sì che si creino dei luoghi comuni piuttosto spiacevoli: definiamo certe persone somare, furbe come una volpe, matte come un cavallo, lente come un bradipo, stupide come una gallina, sciocche come un’oca. Ebbene scommetto che nessuno sa quanto possa essere intelligente e amorevole una gallina che per noi è assimilabile esclusivamente al cibo, in termini di carne e uova. Di come veramente una gallina è, non importa nulla a nessuno.

Sarebbe il caso invece condurre per qualche tempo una sana e istruttiva vita campestre per educare noi stessi e i nostri figli ad una conoscenza approfondita su ciò che una gallina ed altri animali sono in grado di trasmetterci e insegnarci. Di solito le galline sono costrette ad una vita infernale, chiuse in gabbie ad ingrassare per diventare cibo o a produrre uova senza nemmeno vedere la luce del sole. Ma se fossimo solo un po’ più rispettosi della vita altrui scorpriremmo che le galline sono capaci di una dolcezza infinita, quella di una mamma che canta ai pulcini ancora all’interno delle uova e, come accade per i bambini nella pancia della mamma, i pulcini rispondono cantando anche loro dall’interno del guscio cominciando così, immediatamente, a comunicare con la loro madre impaziente di vederli.

La stessa organizzazione comunitaria delle galline è piuttosto complessa, infatti ogni gallina ha un ruolo ben preciso scelto in base alle caratteristiche della sua personalità. In questo modo si crea una una gerarchia al comando della quale stanno le galline più sveglie e carismatiche, seguite subito da coloro che si occupano dell’organizzazione del gruppo e della divisione dei ruoli al suo interno, poi ancora le galline un po’ più timide, sono le più giovani e non sanno ancora cavarsela bene, ma a proteggerle ci saranno le galline più forti che renderanno il gruppo sicuro e invincibile.

In un gruppo così ben organizzato la vita dei pulcini si svolge tranquilla e sicura, poichè accuditi da mamme consapevoli che insegnano loro tutto quello che c’è da sapere per sopravvivere, pur rispettando sempre la loro unicità caratteriale, infatti in base ad essa, una volta cresciuti, essi assumeranno un ruolo ben preciso all’interno della comunità.

Non solo, ma le galline sono un esempio di buone di abitudini, come la sveglia al sorgere del sole, perché è quello il momento in cui la famiglia si riunisce e canta per accogliere il giorno nuovo e dare il via ad una nuova e movimentatissima giornata; quando invece qualcuno va via per sempre, i compagni stanno lì a vegliare su quel corpo mostrando tutto il loro rispetto e amore.

Dovremmo aprire di parecchio la nostra mente così piccola e ristretta agli evidenti esempi di intelligenza, amore e rispetto che invece continuiamo e spesso volontariamente, ad ignorare, nella sciocca presunzione di essere possessori di una superiorità che per merito non ci appartiene, ma che ci siamo presi con l’inganno.

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie