Gli straordinari poteri del mangostano e dei suoi xantoni

Il Mangostano o Gracinia mangostana, anche noto come Mangosteen, è un frutto tropicale dalla buccia viola e con la polpa carnosa grande circa come un mandarino. Per secoli è stato utilizzato per le sue prorietà curative e i suoi benefici per la salute. La pianta è originaria del sud-est asiatico. Non ci sono molti studi scientifici su questo frutto diffuso ma non eccessivamente conosciuto ma la maggior parte dei suoi benefici è dovuta agli xantoni presenti al suo interno. Gli xantoni sono potenti sostanze antiossidanti che svolgono una forte azione di contrasto verso i radicali liberi, i nemici della pelle. Inoltre questo frutto ha pochissime calorie, circa 63 per 100 grammi, contiene grassi insaturi, una buona quantità di vitamina C, vitamine del gruppo B, niacina, tiamina, fibre, minerali importanti come rame, manganese, magnesio e una buona quantità di potassio.

Grazie alle sue spiccate prorietà antiossidanti il mangostano risulta essere un ottimo alleato della nostra pelle. Previene la formazione delle rughe, contribuisce a migliorare l’elasticità della pelle e la mantiene idratata. Inoltre fra le sue proprietà ci sono quelle antinfiammatorie, alleviando fenomeni infiammatori a carico della cute, come acne, eczemi e psoriasi.

Sembra che il succo di mangostano abbia effetti benefici sia sul cervello che sul sistema nervoso poichè sembra prevenire le malattie degenerative come l’Alzheimer o il Parkinson. Ma delle sue principali virtù opera a livello dell’apparato gastrointestinale. Da secoli il succo o il decotto di corteccia viene utilizzato dalle popolazioni asiatiche per combattere diarrea, gonfiori intestinali e costipazione. Grazie al notevole apporto di fibre e vitamine infatti, il mangostano è in grado di migliorare le funzioni intestinali e riequilibrare la flora batterica. Non sono stati riscontrati effetti collaterali, ma sembra che una dose eccessiva di xantoni possa causare sonnolenza e interferisca con la normale coagulazione del sangue, perciò è sempre bene consultare il medico in caso si segua una cura farmacologica ed evitare l’utilizzo in caso in cui si assumano farmaci anticoagulanti. Rivolgersi al medico anche in caso di gravidanza o allattamento.

Per quanto riguarda l’uso del succo si raccomanda di bere due o tre cucchiai di succo puro diluiti in poca acqua una volta al giorno. Per avere un effetto più potente è possibile aggiungere al succo di mangostano quello di Papaia e Lime. Un buon rimedio contro le eruzioni cutanee è dato anche da unguenti a base di mangostano. Da uno studio condotto da alcuni ricercatori nel 2009 è risultato che il mangostano offre un buon aiuto per rafforzare le difese immunitarie. Per questo è utilizzato per combattere febbre e raffreddore.

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie