Issopo, l’olio essenziale sacro

L’issopo è menzionato frequentemente nella Bibbia come una pianta purificatrice: “Aspergimi, Signore, con l’issopo e sarò purificato”; per gli Ebrei era una pianta sacra. La tintura di issopo, per la sua azione depurativa, è consigliata a primvera come cura disintossicante. Come le piante sotto il dominio di Giove, è antispasmodica, balsamica, emolliente, espansiva e confortativa, restitutiva di energia. Per gli antichi “scioglie la flemma nel petto e nel polmone e fortifica”.

Stimola infatti il riassorbimento degli umori corporei, quali linfa, plasma, mucosità in genere, quando diventano eccessivi e vischiosi. L’essenza trova quindi indicazione nelle affezioni dell’apparato respiratorio, dove ha un’azione tonica e stimolante sul respiro e fluidificante delle secrezioni sotto forma di inalazioni o per frizioni sul petto. Agisce sulla mente con un effetto tonico, rendendola più chiara e lucida, con un’azione simile all’essenza di basilico ma meno incisiva e penetrante. Molti popoli antichi profumavano il pane con issopo per assicurarsi longevità, perchè esso purifica il sangue e la mente.

E’ tonica anche sul circolo, dove tende ad innalzare la pressione arteriosa; per questo è indicata nelle astenie postinfluenzali, nelle anemie, nei soggetti linfatici, mentre è sconsigliata in caso di ipertensione arteriosa. Sulla pelle, per compresse fredde, aiuta il riassorbimento di ematomi e accelera la guarigione di ferite. L’acqua di issopo, derivata dal processo di distillazione dell’olioessenziale, è di carattere prettamente maschile e rappresenta un ottimo tonico dopobarba per la toelette dell’uomo.

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie