Lavanda, l’olio essenziale della calma

La lavanda gode di numerosissime proprietà ed è considerata l’essenza più versatile, per le sue molteplici utilizzazioni, da tenere sempre a protata di mano per ogni evenienza. Il nome deriva dal latino lavare, e infatti i Romani usavano utilizzarla per le loro pratiche di abluzione; ben noto è il suo potere antitossico e antiveleno, per cui ancora oggi i cacciatori, quando i loro cani sono morsi da una vipera, colgono un po’ di lavanda, la stropicciano trale dita per liberarne l’essenza e la strofinano sulla dìsede del morso per inattivare il veleno. Sacchettini di tela pieni di fiori di lavanda vengono messi tra la biancheria per arpmatizzarla e per preservarla dalle tarme, ma alla base di questa tradizione c’è un significato ben più profondo: infatti la lavanda è una vera e pianta per le donne, che si adattava, tradizionalmente, per i primi tempi di matrimonio (fiori di lavanda venivano messi tra le lenzuola di lino del corredo della sposa).

Essa aiutava la personalità femminile ancora immatura a superare il timore dei rapporti sessuali. L’utilizzo di fiori ancora in boccio si confaceva alle personalità non ancora “sbocciate” di queste promesse spose, spesso giovanisime, con aspirazioni di matrimonio romantico in cui però il sesso veniva avvertito in modo alquanto minaccioso. La lavanda quindi, pianta sotto l’influsso della luna, pianeta tipicamente femminile, rafforza l’ego della donna, stabilizzandone l’emotività eccessiva. La lavanda, pianta mercuriana, è prettamente indicata in tutti gli squilibri energetici, quali nervosismo, stress, debilitazione, e nelle relative somatizzazioni: insonnia, ipertensione, cefalea, palpitazioni, dove svolge un’azione essenzialmente riequilibratrice. Alla sera, qualche goccia massaggiata sulla nuca e sulle tempie o messa sul cuscino favorirà il sonno.

Secondo gli antroposofi, qualche goccia di essenza nell’acqua del bagno aiuta a ristabilire il contatto tra il corpo fisico, l’etereo e l’astrale. E’ leggermente anestetica, ha proprietà antisettiche e antimicrobiche, stimola la produzione dei globuli bianchi, quindi è utile in corso di infezioni e malattie da raffreddamento. E’ antispastica, calma i dolori mestruali e stimola la mestruazioni scarse. Facilita la digestione, combatte le coliche e il meteorismo, soprattutto su base nervosa. Allevia i dolori muscolari; durante il travaglio del parto, massaggiata sulla regione lombare, allevia i dolori e facilita le contrazioni, inoltre ha un’azione calmante. Per le sue proprietà antisettiche, antinfiammatorie e cicatrizzanti, unite alla sua tollerabilità, trova largamente impiego nella cura della pelle: dopo un’eccessiva esposizione al sole, spalmata sulla pelle , diluita in un latte rinfrescante o in un olio doposole, previene e calma le scottature, disinfetta le ferite e promuove la cicatrizzazione,agisce sulle punture di insetti, sulle ustioni, sulle micosi; può essere applicato su ogni tipo di pelle, combatte la seborrea e può stimolare la ricrescita dei capelli in caso di alopecia areata.

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie