L’avocado, un alleato per la salute del cuore

Uno studio americano segnala la possibile efficacia preventiva esercitata dall’avocado rispetto alle patologie cardiovascolari. Il  team di esperti della Penn State University, guidato da Penny Kris-Ethertonsu, ha svolto un’ indagine su 45 pazienti in sovrappeso, tutti coloro che hanno aggiunto alla propria dieta dimagrante anche l’avocado, hanno riscontrato una riduzione maggiore dei livelli di colesterolo cattivo, rispetto ai pazienti che, invece, hanno seguito un regime dietetico senza includere questo frutto. Insomma fa bene al cuore e di conseguenza al fisico: l’avocado può essere consumato sia crudo in insalata, che frullato, ma per ottenere ottimi risultati è importante che venga consumato in modo salubre.

I ricercatori hanno messo a punto 2 diversi regimi dietetici, uno caratterizzato da un apporto di grassi moderato (34% delle calorie totali – il 17% da acidi grassi monoinsaturi) e una a basso contenuto di grassi (24% delle calorie totali – l’11% da acidi grassi monoinsaturi). Tutti i partecipanti hanno seguito per 2 settimane un’alimentazione simile alla tipica dieta americana (con il 34% delle calorie proveniente dai grassi, il 51% da carboidrati e il 16% da proteine) prima di seguire per altre 5 settimane una dieta la dieta basso contenuto di grassi, la dieta a contenuto moderato di grassi o la stessa dieta a contenuto moderato di grassi prevedendo però il consumo di un avocado al giorno. Al termine del periodo di dieta è stato scoperto che il livello di colesterolo cattivo si era ridotto di 7,4 mg/dl in chi aveva seguito la dieta a basso contenuto di grassi, di 8,3 mg/dl in chi aveva seguito la dieta a moderato contenuto di grassi e di ben 13,5 mg/dl in chi aveva introdotto in quest’ultima un avocado.

Nei casi in cui la dieta aveva previsto il consumo quotidiano di avocado accanto a questi miglioramenti ne sono stati registrati altri, ad esempio nei livelli di colesterolo totale e in quelli di trigliceridi e di colesterolo buono. E quelli dell’avocado sono del tipo monoinsaturo, che come ricordano gli scienziati, protegge dalle malattie cardiache e da alcuni tipi di tumore. In questo frutto, inoltre, sono presenti gli acidi grassi Omega 3, i quali, ottimi alleati per la salute del cuore.

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie