Melissa, l’olio essenziale sia tonico che rilassante

L’origine del nome melissa deriva dalla radice indoeuropea mel che significa miele e infatti la melissa è la pianta prediletta dalle api, usata appunto per attirarle (in greco melissophyllon letteralmente significa foglie per api); nell’antichità le api erano considerate sacre agli dei di origine solare e il miele era utilizzato in molte cerimonie religiose, come un concentrato di energia solare. La melissa partecipa a questo tipo do energia di trasformazione del sole in miele operato dalle api e infatti da sempre è una pianta considerata capace di sostenere il cuore, allontanare la malinconia, ridare la gioia di viviere. Secondo i medici antichi “rimuove il batticuore, le false sollecitazioni, immaginazioni e fantasie che causano gli umori melanconici…fa il cuor contento e accresce lo spirito vitale, manda via i cattivi pensieri ed equilibra gli eccessi di bile”, poichè un’eccessiva produzione di bile, collegata psicologicamente a emozioni troppo forti, provoca malinconia.

Tradotto in linguaggio più moderno, la melissa esercita una decisa azione tonica e rilassante sul sistema nervoso: è sedativa sugli stati nervosi e sull’ansia, con le relative somatizzazioni quali palpitazioni, cefalea, cattiva digestione, insonnia, problemi mestruali ecc., anche grazie alla sua potente azione antispasmodica. Utilizzata per bagni, impacchi, inalazioni, massaggi, ristabilisce l’equlibrio a livello degli organi turbati da problemi emotivi. Ha un’azione elettiva sull’apparato digerente ed è indicata anche nell’ipereccitabilità con nausea che insorge in gravidanza. Come pianta di Venere, e quindi tipicamente femminile (veniva usata per le fanciulle svenevoli che avevano attacchi isterici) è utile nei disturbi ginecologici quali la sindrome premestruale, che si accompagna a ritenzione idrica, iperemotività o nervosismo, vampate dicalore in menoapusa, cistite, frigidità. Non è un caso che la melissa contenga molto rame, metallo analogo all’essenza del pianeta Venere.

Grazie alle energie solari di cui è fortemente compenetrata, ha un’azione specifica sul cuore e sul plesso solare, centro della vita vegetativa. E’ indicata nei disturbi cardiaci di origine nervosa, nelle tachicardie, per bilanciare la vita emozionale in caso di eccessivo stress, traumi, depressione, problemi della vita affettiva legati a un eccesso di emotività e apprensione. Si dice che la melissa abbia la forza di quindici piante, che vivifichi e rinforzi il cuore. A livello della pelle, diluita in un olio vettore, trova impiego nelle punture di insetti, e come insetto repellente.

Ha un’azione stimolante e tonificante utile per i trattamenti estetici, è cicatrizzante, antimicrobica, decongestionante, possiede caratteristiche antivirali verso il virus dell’herpes simplex. Pianta riequilibrante, nel suo impiego magico salvaguarda dalle illusioni d’amore e dalle passioni fugaci, finalizzando la passione amorosa a fini superiori. Questa segnatura nella pianta la si ritrova nel fatto che i fiori hanno la caratteristica di guardaredallo stesso lato, segno di fedeltà al partner che si è scelto. come profumo magico indurrebbe maggiore attenzione al proprio aspetto, e aiuterebbe a captare l’interesse e l’amore degli altri attraveso l’arma di melissa che è, appunto, la dolcezza.

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie